World Travel Market di Londra: anche l’Umbria presente

'L'Umbria, il tuo regalo di Natale', ma anche Umbria come modello di turismo sostenibile presto sulla piattaforma Sky

C’era anche l’Umbria al World Travel Market di Londra, la più importante fiera sul turismo internazionale d’Europa. Una delegazione regionale, guidata dal vice presidente Fabio Paparelli, è stata presente all’interno del Padiglione Enit-Italia, inaugurato dal ministro della Cultura e del Turismo, Dario Franceschini.

Sottolinea Paparelli: “E’ stata un’edizione speciale in cui l’Italia è stata premium partner della manifestazione e, pertanto, ha potuto godere di una particolare attenzione da parte del mondo della domanda turistica, attraverso un ricco programma di eventi e presentazioni nei quali anche l’Umbria è stata protagonista”.

La serata inaugurale all’Ambasciata italiana di Londra ha visto la presenza anche di Paparelli, che poi ha partecipato agli eventi istituzionali come ‘Emotions from the Heart of Italy’, pensato per la valorizzazione delle regioni del Centro italiana colpite dal sisma. Nella sede dell’Emporio Petersham Nurseries è stato organizzato un evento speciale per presentare la nuova campagna ‘L’Umbria, il tuo regalo di Natale’: promozione dell’offerta turistica regionale con particolare riferimento alle occasioni di viaggio per il periodo invernale. Nel corso di questo evento, organizzato da Sviluppumbria, c’erano 50 giornalisti inglesi in rappresentanza di testate come ‘Financial Times’, ‘The Time’, ‘The Mirror’ e ‘The Sun’.

Alla serata hanno partecipato anche gli operatori turistici umbri presenti al World Trade Market. Di Umbria si è parlato, infine, come modello di turismo sostenibile nell’intervista rilasciata da Paparelli al ‘National Geographic Tv’. Le sue parole andranno presto in onda sulla piattaforma Sky in occasione dello speciale dedicato al Cuore Verde d’Italia.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.