Infortuni sul lavoro Perugia: Cgil, “Sicurezza primaria in decalogo per candidati regionali”

I dati Inail sul 2019 parlano di un aumento degli infortuni sul lavoro: 4920 denunce contro 4.747 del 2018

Gli infortuni sul lavoro nel territorio della provincia di Perugia sono in aumento. Nei primi sette mesi dell’anno, secondo i dati ufficiali Inail, le denunce sono state 4920, contro le 4747 dello stesso periodo del 2018. Si tratta di un incremento del 3,6%, superiore alla media regionale e in controtendenza rispetto all’andamento nazionale, che è di sostanziale stabilità. A questo dobbiamo aggiungere il dato più drammatico: 9 vittime registrate sul territorio provinciale in sette mesi (una in meno del 2018, ma il decremento è solo nelle morti in itinere).

“È evidente che questo dato non può passare sotto silenzio – commenta Elisabetta Masciarri, segretaria della Camera del Lavoro di Perugia – Salute e sicurezza sul lavoro sono una responsabilità che deve essere sentita propria da tutti: sindacati, imprese e istituzioni e soprattutto dalla politica. Ecco perché, nel decalogo che la Cgil ha presentato ai candidati e alle candidati per le elezioni regionali, la sicurezza sul lavoro è al primo posto”.

“Noi crediamo – continua Masciarri – che sia necessario una attenta e severa vigilanza in materia, che vadano messi in campo tutti gli strumenti preventivi e quindi che siano necessari investimenti, soprattutto nella cultura della sicurezza, in tutti i luoghi di lavoro, e non solo, anche a partire dai banchi di scuola. Inoltre, riteniamo che il ruolo degli Rls e Rlst vada valorizzato con un impegno politico straordinario. Queste – conclude la segretaria Cgil – sono le richieste che abbiamo portato al tavolo della prefettura su salute e sicurezza e sulle quali oggi chiediamo risposte rapide e concrete”.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.