Imprese di Terni: 2017, saldo positivo di 174 unità

Natalità e mortalità delle imprese iscritte presso la Camera di Commercio: fa ben sperare la crescita delle società di capitali

In provincia di Terni, nel 2017, le nuove imprese hanno superato il numero di quelle che hanno chiuso: 1.345 sono state le prime, 1.146 quelle che hanno cessato l’attività economica. Il saldo positivo è di 199 unità, in lieve aumento rispetto al 2016, chiuso con un saldo sempre positivo, ma di 174 unità.

Il merito è in particolare del settore commerciale, con +260 nuove imprese. Il commercio è effettivamente il settore più dinamico del tessuto economico ternano, ma anche il più instabile a causa della quasi totalità delle ditte individuali, con 697 cessazioni nell’anno passato. Su 21.562 imprese registrate a Terni, sono addirittura 11.601 quelle individuali, meno della metà quelle di capitale (5.379), quelle di persone sono 3.886.

Le società di capitale hanno mostrato buon dinamismo nel 2017, crescendo più che nel resto dell’Umbria: 4,60% contro il 3,66% di Perugia. La regione chiude con un soddisfacente +3,88%. Da segnalare poi che le società di persone hanno perso lo 0,68%, le ditte individuali lo 0,09%, le altre (cooperative e consorzi in particolare) lo 0.14%.

L’analisi annuale delle imprese operanti a Terni è di Movimprese e riguarda il periodo tra gennaio e dicembre 2017. L’elaborazione è a cura dell’Ufficio informazione economica sulla base del Registro imprese dell’Ente camerale. Giuseppe Flamini, presidente della Camera di Commercio, commenta: “Si continua a credere nel fare impresa, da diversi anni registriamo in provincia saldi di fine anno in positivo, ma i dati complessivi ci dicono che il tasso di crescita fatica a decollare”.

E ancora: “Vogliamo anche per il 2018 aiutare gli imprenditori a tenere il passo con i cambiamenti che sempre più rapidamente investono il mondo dell’economia, lo faremo con diversi strumenti. È attualmente aperto un bando per sostenere le imprese che partecipano a fiere all’estero, offriamo voucher per consulenze e servizi alle imprese che vogliono crescere nella digitalizzazione. Non solo. È aperto anche il bando per sostenere le imprese nell’alternanza scuola lavoro, a chi ospita studenti offriamo fino a mille euro”.

Ultimi dati sui settori delle imprese ternane. Il commercio ha raggiunto quota 5.640 iscrizioni al 31 dicembre, il settore agricolo 3.606, quelle edili 2.738, quelle in alloggi e ristorazione 1.593, quelle iscritte nel comparto industria 1.679. Se il commercio ha chiuso in rosso per 437 unità, hanno perso imprese pure le costruzioni (104 iscrizioni contro 376 cessazioni). Segno negativo per alloggi e ristorazione, infine (-144 unità).

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.