Ricostruzione in Umbria: 35 interventi di messa in sicurezza per palazzi storici

Marica Mercalli, soprintendente ai Beni culturali della regione, ha fatto il punto della situazione un anno dopo

Trentacinque interventi di messi in sicurezza a oggi per palazzi storico-culturali danneggiati dal sisma di Norcia e della Valnerina. Ma anche 170 interventi per i beni culturali mobili e 30 restauri già realizzati”.

Il quadro, un anno dopo il sisma, è stato fatto dalla soprintendente ai Beni culturali dell’Umbria, Marica Mercalli, durante un convegno a Norcia. Al centro dell’appuntamento, la tutela del patrimonio storico – artistico umbro dopo le scosse di fine 2016 e inizio 2017.

“Per altre 100 opere stiamo lavorando, insieme alla diocesi Spoleto – Norcia e al vescovo Boccardo, per trovare sponsorizzazioni che ci permettano di procedere, di volta in volta, al recupero”. Durante il convegno, la soprintendenza ha ripercorso i vari interventi eseguiti con i vigili del fuoco e le ditte esterne. In particolare quelli sulla Basilica di San Benedetto e sulle altre chiese simbolo del territorio, tra cui San Salvatore di Campi.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.