Elite-Confindustria: oggi la tappa di Perugia

Si selezionano le migliori aziende italiane. Alunni: "Prezioso accompagnamento per le piccole e medie imprese"

Antonio Alunni

Il roadshow Elite-Confindustria per selezionare le nuove società Elite ha fatto tappa oggi a Perugia. Il Presidente di Confindustria Umbria, Antonio Alunni, ha sottoscritto la partnership “Elite-Confindustria Umbria” che prevede tra i diversi punti della collaborazione anche vantaggi dedicati alle società umbre associate a Confindustria Umbria che entreranno in Elite.

Elite è il programma internazionale di Borsa Italiana, nato nel 2012 in collaborazione con Confindustria, dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita. Elite dà accesso a numerose opportunità di finanziamento, migliora la visibilità e attrattività delle imprese, le mette in contatto con potenziali investitori e affianca il management in un percorso di cambiamento culturale e organizzativo.

La community di Elite è oggi caratterizzata da 895 aziende di 33 Paesi in tutto il mondo in rappresentanza di 35 settori che generano oltre 64 miliardi di euro di ricavi aggregati per oltre 312.000 mila posti di lavoro in tutta Europa e non solo. Il roadshow rientra nelle attività di ELITE e Confindustria dedicate a supportare la crescita e lo sviluppo delle imprese attraverso l’accesso ai mercati dei capitali e agli strumenti di finanza alternativa.

Andrea Tessitore, Responsabile Progetto Elite – Confindustria ha detto: “La provincia di Perugia è nota in Italia e all’estero per le produzioni artigianali di elevata qualità, specialmente nel comparto tessile/abbigliamento, il quale ha una rilevanza cruciale sotto il profilo economico, sociale e occupazionale. Le realtà aziendali locali si caratterizzano per professionalità, competenza, innovazione e carisma imprenditoriale, sanno coniugare tradizione e nuove tecnologie, arrivando a ottenere prodotti di eccellenza. Siamo dunque particolarmente contenti di presentare Elite alle migliori aziende della provincia. Il programma permetterà loro di crescere culturalmente e dimensionalmente, approfondendo nuove modalità di reperimento dei mezzi finanziari per la crescita”.

Il Presidente di Confindustria Umbria Antonio Alunni ha detto: “Siamo convinti che le competenze e gli strumenti che il programma di sviluppo Elite mette a disposizione possano essere un prezioso accompagnamento per aiutare le PMI a effettuare un salto dimensionale, raggiungendo livelli di efficienza, managerialità e trasparenza comparabili a quelli delle società quotate. Per molte delle nostre aziende sono maturi i tempi per aprirsi a forme di finanziamento diverse dal canale bancario tradizionale che consentano di cogliere tutte le opportunità di crescita che il mercato offre”.

Silvio Pascolini, consigliere di Confindustria Umbria delegato al Credito ha detto: “È importante segnalare come a partire da metà 2017, il fenomeno dei PIR stia influendo in maniera sensibile sulle motivazioni ad aprirsi al mercato e magari di quotarsi in borsa, da parte delle imprese. Gli incentivi alla quotazione previsti dall’ultima legge di stabilità possono dare ulteriore slancio a tale propensione ed il percorso Elite, in tale contesto, dovrebbe sicuramente beneficiarne. Un altro elemento di attrazione del percorso nei confronti delle aziende consiste nell’implementazione costante degli strumenti fruibili attraverso la piattaforma Elite. In tale ambito crediamo che possa essere ulteriormente valorizzato il ruolo propositivo di Confindustria, attraverso il proprio Elite-Desk”.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.