Narni: ex Sgl pronta a ripartire, via libera dalla Conferenza dei servizi

L'atto ufficiale di autorizzazione integrata ambientale sarà pubblicato a giorni e si potrà partire per completare il piano Sangraf

L’ex Sgl di Narni è davvero pronta a ripartire. La fabbrica che produce elettrodi di grafite, ora di proprietà di GoSource, ha avuto il via libera dalla Conferenza dei servizi che si è tenuta venerdì scorso nella sede della Regione Umbria. La direzione competente, di fatto, aveva già dato semaforo verde alla ripresa dell’attività, a giorni sarà pubblicato l’atto ufficiale di autorizzazione integrata ambientale (Aia).

A quest’ultima si era rivolta la società lo scorso 27 ottobre, con una richiesta formale. In poco più di una settimana, la Regione Umbria aveva iniziato il procedimento amministrativo, quindi è stata Arpa a redigere il rapporto istruttorio, il documento che venerdì scorso è stato scandagliato in tutte le sue parti durante la Conferenza dei servizi, non trovando impatti di sorta e venendo di conseguenza approvato.

La sirena, che fa parte della storia di Narni, è pronta dunque a risuonare. GoSource ha fatto il possibile perché, dopo il via libera, tutto fosse pronto per riprendere a produrre. Lo stabilimento narnese aveva presentato infatti al Mise il piano Sangraf che, in un triennio, dovrebbe garantire 100 posti di lavoro e 30 mila tonnellate di elettrodi di grafite, che molto probabilmente saranno destinate anche alla grande acciaieria ternana.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.