Saldi in Umbria: terminano il 4 marzo

Confcommercio Umbria ricorda a tutti gli operatori commerciali di togliere dalle vetrine la scritta 'saldi' per evitare le multe

Sta arrivando l’ultimo giorno per i saldi invernali anche in Umbria: il 4 marzo è infatti la scadenza per effettuare le vendite di fine stagione da parte dei negozianti. Per l’occasione, Confcommercio Umbria ricorda a tutti gli operatori commerciali che è necessario rimuovere dalle vetrine le pubblicità con la dicitura ‘Saldi’, per evitare di incorrere in sanzioni amministrative.

Secondo informazioni parziali, i saldi invernali sono stati un mezzo flop un po’ in tutta Italia. La stima è infatti di un -20% nelle città. Le percentuali di vendita sarebbero state inferiori a quelle pronosticate alla vigilia, già improntate alla cautela e al pessimismo. Confcommercio dà la colpa a un mese di gennaio fin troppo tiepido, che ha dunque ristretto la voglia di acquistare cappotti e giacconi.

Il colpo di coda dell’inverno, con temperature molto rigide, non ha tirato su la baracca ma, anzi, rischia di rendere poco popolati i centri storici in questi ultimi giorni in cui si può ancora approfittare di sconti e offerte. Confcommercio Umbria, al termine della sessione invernale dei saldi, farà i conti in tasca ai negozianti della regione per capire se è stato un flop pure a Terni e a Perugia oppure se, alla fine, ci si può accontentare.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.