Frecciarossa da Perugia: ora è ufficiale

Due le corse ogni giorno, andata e ritorno per Milano, con fermate a Firenze, Bologna e Torino. Si parte alle 5.13, il ritorno alle 22.18

L’Umbria ha il Frecciarossa. L’annuncio ufficiale è arrivato oggi in una conferenza stampa a Palazzo Donini, alla presenza dell’amministratore delegato di Trenitalia, Orazio Iacono, della presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, dell’assessore regionale ai Trasporti, Giuseppe Chianella, e del sindaco di Perugia, Andrea Romizi.

I dettagli: si comincia i primi giorni di febbraio. Saranno due le corse al giorno, una per l’andata e una per il ritorno. Da Perugia si potrà arrivare a Firenze, Bologna, Milano e Torino. La partenza è dal capoluogo umbro alle 5.13, l’arrivo a Milano alle 8.30. Il rientro da Milano è previsto per le 18.45, con arrivo a Perugia alle 22.18. La sperimentazione di Trenitalia durerà un anno.

L’ad dell’azienda, Iacono, spiega: “La nostra azienda è al servizio del Paese, sta lavorando per migliorare la qualità degli spostamenti dei cittadini e, insieme, la loro qualità di vita. Ampliare i benefici dell’Alta Velocità a nuovi territori è uno dei nostri obiettivi, che perseguiamo convinti di poter attrarre una significativa domanda e, contemporaneamente, rendere un servizio utile e apprezzato”.

La novità è che Trenitalia potrebbe non essere l’unica azienda ad arrivare a Perugia con l’Alta Velocità. La Regione Umbria, infatti, nei prossimi giorni vorrebbe proporre una manifestazione di interesse rivolta “a tutti i soggetti di mercato che operano in Italia nel sistema Av”. Quindi, chissà che pure Italo non appronti un treno che possa partire da Perugia.

Alla conferenza stampa ha partecipato pure la vice sindaco di Spoleto: “Con Trenitalia stiamo valutando una richiesta che stava molto a cuore al sindaco Cardarelli, ossia la restituzione alla città di una fermata del Frecciabianca. Trenitalia ci sta lavorando insieme a Rfi”.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.