Befood: capitale umano e tecnologia fanno più di 20 milioni di fatturato

L'aziende del pet food è ormai una realtà consolidata in Europa. E ha appena inaugurato il Wellness Center

In occasione del simposio organizzato nella sede di Acquasparta, Befood ha celebrato il fattore umano. Nell’ambito del tour #Protagonisti2017 ‘Il valore delle persone’, promosso da ESG89.

Tanti gli imprenditori umbri presenti a quella che è stata una vera e propria festa per un’azienda che, in sei anni, ha visto crescere il fatturato oltre i 20 milioni di euro. Il presidente Giorgio Scassini ha detto: “Le sfide non ci spaventano, fanno parte del nostro dna, ma sono anche supportate dalla consapevolezza del potenziale umano e tecnologico di cui disponiamo”.

Là dove nel 2010 c’era un capannone in disuso, ora c’è un vero e proprio gioiello tecnologico che spicca nel panorama europeo del pet food per l’elevato livello di innovazione e per la qualità delle produzioni.

Il direttore generale, Fabio Bernini, ha aggiunto: “Persone, passione, tecnologia e natura sono i nostri valori, il nostro mantra. L’abbiamo voluto definire B-Quality, la vera e più importante formula della nostra azienda”.

L’incontro di Acquasparta ha pure inaugurato il nuovo Wellness Center Befood, spazio dedicato al benessere olistico, della mente e del corpo. “Il benessere è un’idea costante per noi e crediamo che lo sport sia un veicolo fondamentale per perseguirlo, come la buona forma fisica. Per questo abbiamo deciso di creare uno spazio dedicato, a cui possono accedere i nostri collaboratori e le loro famiglie”.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.