Lavoro Perugia: ecco le professioni più ricercate

Tutte le opportunità per under 30 e donne

Le imprese della provincia di Perugia tornano ad assumere. I posti di lavoro offerti nei primi 90 giorni del 2017, secondo i dati Excelsior, sono 6.100. Ma quali sono i settori in cui sono maggiori le possibilità di trovare un’occupazione?

Le professioni più richieste sono personale generico (440 assunzioni complessive); commessi e altro personale di vendita nei negozi (240); operai metalmeccanici e elettromeccanici (230); cuochi, camerieri e professioni simili (220) e personale di segreteria e servizi generali (200). Complessivamente queste professioni assorbono il 60% totale delle offerte di lavoro.

Per i giovani con meno di 30 anni le maggiori opportunità sono riservate agli addetti alla gestione dei magazzini e ai spedizionieri (72% delle assunzioni destinata ai giovani); agli ingegneri e ai specialisti in discipline scientifiche e della vita (68%); ai tecnici in campo informativo, ingegneristico e della produzione (58%); agli operai metalmeccanici e agli elettromeccanici alla pari di cuochi, camerieri e professioni simili (52%); ai commessi e ad altro personale qualificato nelle attività commerciali (43%).

Per le donne, invece, le migliori occasioni sono tra gli operai specializzati nel tessile-abbigliamento (71% di assunzioni rivolte a personale femminile); tra gli ingegneri e specialisti in discipline scientifiche e della vita (53%); tra gli specialisti e tecnici amministrativi, finanziari e bancari (46%); tra gli addetti all’accoglienza, all’informazione e all’assistenza della clientela (39%); tra il personale di segreteria e servizi generali (35%).

Esistono anche dei settori dove per le imprese riuscire a trovare il personale è un’operazione davvero complessa. Le professioni di difficile reperimento sono: ingegneri e specialisti in discipline scientifiche e della vita (due assunzioni su tre difficili da trovare); operai metalmeccanici e elettromeccanici (42%); operai nelle industrie chimiche, del legno, della carta e altre industrie (37%); operai specializzati e conduttori impianti nel tessile-abbigliamento (34%); specialisti e tecnici del marketing, vendite e distribuzione a pari merito con tecnici informatici, ingegneristici e della produzione (32%).

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.