Non solo tecnologia, ma soprattutto le sapienti mani di un modellista di esperienza: solo così la rifinitura di un gioiello di design può accedere alla produzione; la BC Servizi di Arezzo si riconferma leader del settore

Dopo la stampa 3D dell’oggetto destinato al mercato della gioielleria o degli accessori moda, la rifinitura del modello è un passo fondamentale per renderlo perfetto e senza difetti per la produzione: l’azienda aretina, grazie a un’esperienza pluridecennale nel settore dei servizi per oreficeria, gioielleria e accessori moda, riafferma la propria eccellenza.

bc servizi

Poter esibire con orgoglio un gioiello dalla foggia perfetta o alla moda o indossare un accessorio di tendenza perfetto nelle sue forme sono il frutto di una lavorazione che coniuga tecnologia con le mani esperte di un modellista. Alla base dell’alta qualità di oggetti preziosi o di design, che siano cioè rifiniti in tutte le loro parti e senza asperità, c’è un processo di basilare importanza: la rifinitura del modello. Questa fase avviene dopo la progettazione e la stampa 3D e deve essere eseguita con accuratezza e professionalità per ottenere un prodotto finito praticamente perfetto, come spiega Alessandro Caneschi, titolare di BC Servizi di Arezzo, azienda leader del settore dei servizi per oreficeria, gioielleria e accessori moda.

«Dopo la fase di progettazione e della stampa 3D, che sono in pratica il cuore dell’intero processo e per questo vengono effettuate con software di ultima generazione che garantiscono la totale fedeltà al bozzetto o al concept iniziale, il modello stampato in cera viene mandato in fusione e il prodotto che se ne ricava, quasi sempre in ottone o comunque in metallo, è sottoposto alla fase di pulitura e rifinitura. La rifinitura del modello è un momento ugualmente fondamentale del progetto e necessita di una cura particolare».

Infatti, è a quel punto che interviene una mano esperta che, con attrezzi specifici come frese e carta abrasiva, lavora di precisione per renderlo perfetto e pronto per la produzione finale. «Esatto – continua Caneschi – prima di poter partire con la produzione, il modello va pulito accuratamente in modo da eliminare eventuali impurità o porosità. Nel caso di un anello, vuol dire rendere la sua superficie completamente lucida affinché i prodotti finiti non presentino irregolarità che li renderebbero sicuramente imperfetti. Nella nostra azienda, per la rifinitura del modello, ci avvaliamo delle esperti e capaci mani del nostro modellista che grazie alla sua esperienza e alla conoscenza dell’antica arte orafa vicentina, perfeziona il modello, sia esso di gioielleria e un accessorio moda, apportando le ultime modifiche affinché possa essere pronto per i passaggi successivi della lavorazione del monile».

Questa tecnica richiede grande manualità, precisione ed esperienza ed è il fulcro di tutta la lavorazione.

«Sì – conclude Caneschi – trattandosi di un passaggio manuale, l’esperienza è senza dubbio il fattore principale che permette di rifinire ogni dettaglio velocizzando così anche la produzione in serie. Benché la conoscenza tecnica per poter operare a mano su oggetti molto piccoli o sui metalli sia fondamentale, e quindi siano necessari anche anni di scuola, corsi specializzati e tanta formazione, è l’esperienza sul campo a fare la vera differenza. Quando i nostri prodotti, che siano essi fibbie, anelli, bracciali, oreficeria o bigiotteria, sono eseguiti a regola d’arte la soddisfazione del cliente è anche la nostra».

 

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.