Agriumbria: sarà a Bastia Umbra il futuro dell’agricoltura nazionale

Presentata questa mattina ad Agrilevante di Bari la fiera di riferimento del settore

La fiera vuole cogliere proprio il futuro, le evoluzioni tecniche, il sentiment dell’agricoltura del terzo decennio. E per capirne di più, per cercare la valorizzazione del comparto e costituire un momento di discussione e riflessione sulle prospettive e sul futuro dell’agricoltura, appuntamento ad Agriumbria che con il 2020 raggiunge la 52 esima edizione in programma dal 27 al 29 marzo 2020, nei padiglioni di Umbriafiere, a Bastia Umbra (Pg), con un programma sempre più indirizzato alle esigenze degli imprenditori di un settore in continua evoluzione e crescita costante. In vetrina come sempre le migliori tecnologie e attrezzature per l’agricoltura, le rassegne zootecniche e i tanti argomenti di attualità che saranno alla base di un momento di confronto tra offerta, domanda e mondo scientifico di un comparto che è in continuo divenire. Tanti elementi, una passione è lo slogan scelto per questa edizione presentata in anteprima a Bari durante Agrilevante, dove Agriumbria grazie alla collaborazione con con Federunacoma ha curato la parte novità, quella legata alla zootecnia. «Mi piace sempre dire che questa è la seconda edizione dopo i primi cinquant’anni – spiega Lazzaro Bogliari, presidente di Umbriafiere – perché uno dei punti forza della nostra fiera è stato quello di continuare a individuare i punti di svolta del settore mettendo gli operatori in condizione di poter crescere in questo appuntamento dal punto di vista professionale». Nel 2019 la rassegna ha superato i 450 espositori con oltre 100 mila visitatori in tre giorni. Tra l’altro nelle stesse giornate di Agriumbria nella vicinissima Assisi si svolgerà l’evento promosso da Papa Francesco, The Economy of Francesco, voluto per i più giovani con la finalità di stringere un patto sostenibile sull’economia del futuro, elemento questo che sposa in pieno le finalità della storica fiera di Bastia che proprio sul ricambio generazionale e sulle opportunità dei giovani ha sempre puntato i riflettori.
Oltre alla parte espositiva, che come sempre sarà articolata nei vari settori d’interesse, dalla meccanizzazione alla tecnologia aziendale, uno dei punti forza della fiera si concentra sui ring esterni dove ancora una volta sono confermati i concorsi zootecnici dedicati alla Nazionale della Chianina (che torna come biennale), la Nazionale Romagnola, la Nazionale Charolaise e la Nazionale Limousine che vanno ad aggiungersi agli altri appuntamenti dei concorsi nazionali dedicati alle varie razze. Il tutto in stretta collaborazione con l’Associazione italiana allevatori, storico partner di Agriumbria. Terzo anno per il salone nel salone, Milktec, spazio dedicato alla tecnologia per la filiera lattiero-casearia. In fiera verranno presentate dunque le ultime tecnologie sul fronte di macchine e attrezzatura per la mungitura e la lavorazione del latte. Ci saranno poi le mostre e le rassegne zootecniche, gli altri saloni specializzati (Bancotec, Enotec, Oleatec) e le aree espositive nelle quali vengono proposte soluzioni di innovazione dei mezzi tecnici, saranno solo alcuni dei fulcri della fiera che nei giorni avrà anche un ricco programma di convegni, meeting e master di approfondimento pensati per mettere aziende, associazioni di categoria e mondo scientifico in un confronto unico.
L’Osservatorio Agriumbria. Prosegue l’attività permanente dell’Osservatorio Agriumbria sul consumo nazionale di carne di qualità ormai un punto di riferimento per tutto il comparto. Durante la prossima edizione saranno pubblicati i dati sugli allevamenti e le tendenze dei consumatori nei confronti della carne certificata e di qualità.
Il premio “Antonio Ricci”. Alla sua quarta edizione il premio dedicato a uno dei giornalisti più noti e apprezzati del settore, Antonio Ricci, scomparso nel 2016. Antonio ha contribuito non solo alla crescita dell’agricoltura italiana, ma anche al successo di Agriumbria, essendone uno storico consulente. Umbriafiere, in collaborazione con la Facoltà di Agraria di Perugia e con Edagricole, ha deciso di indire il premio diviso in due sezioni: una giornalistica, al professionista del settore che si è distinto per raccontare l’agricoltura italiana e una dedicata a uno studente di tutte le facoltà di Agraria di Italia che con un lavoro di tesi abbia affrontati i temi della sostenibilità ambientale ed economica e la multifunzionalità in agricoltura. Il premio sarà assegnato durante il programma della prossima edizione.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”