Mobilità sostenibile, anche quest’anno Torino aderisce

Dal 16 al 22 settembre la città di Torino aderisce alla "Settimana Europea della Mobilità Sostenibile"

mobilità sostenibile

Via libera dalla Giunta Comunale all’adesione della Città di Torino alla ‘Settimana Europea della Mobilità Sostenibile’ che, fin dalla sua prima edizione nel 2002, si propone di far conoscere e promuovere soluzioni di mobilità pulita condivisa e intelligente.

‘Safe walking and cycling’ è il tema dell’appuntamento, in programma dal 16 al 22 settembre prossimi, dedicato quest’anno alla sicurezza del camminare e nello spostarsi in bicicletta e ai vantaggi che queste attività possono avere per l’ambiente, la nostra salute e il portafogli.

A caratterizzare l’edizione 2019 anche uno slogan ‘Camminiamo insieme’ che invita tutti i cittadini, spesso costretti nel corso delle loro giornate a lunghe sedute – nel traffico, alla scrivania o davanti a uno schermo – a modificare le proprie abitudini negli spostamenti urbani optando per modalità di trasporto attivo.

Con questo obiettivo, e per sensibilizzare sulla sicurezza e sul rispetto dell’ambiente, dal 18 al 20 settembre verranno chiuse al traffico alcune strade e istituito il divieto di sosta davanti ad alcuni plessi scolastici . Sarà anche avviata una sperimentazione di pedonalizzazione in via Petitti, tra le vie Ormea e Pietro Giuria, e nel controviale di corso Fiume sul territorio della circoscrizione 8.

Il calendario della ‘Settimana’ propone inoltre appuntamenti collaudati come il ‘Giretto d’Italia’, per l’organizzazione di Legambiente, mercoledì 18 settembre e la ‘Giornata senza auto’, in programma la domenica successiva con la chiusura al traffico nella Ztl centrale dalle ore 10 e fino alle 18. Sempre il 22 settembre è prevista un’iniziativa di ‘plogging’ , ovvero la raccolta dei rifiuti mentre si cammina o si corre.

Sabato 21 settembre, poi, alla presenza della sindaca Appendino e dell’assessora Lapietra verrà inaugurato il tratto di pista ciclabile di via Nizza, tra le piazze De Amicis e Carducci.

“Oltre che prive di emissioni, le modalità di trasporto attivo aiutano a mantenere sani il nostro cuore e il nostro corpo e rappresentano un importante tassello per la creazione di un sistema di mobilità sostenibile – sottolinea l’assessora Lapietra – Le città che promuovono gli spostamenti a piedi e in bicicletta invece dell’uso dell’auto privata – conclude Lapietra – risultano più attraenti, meno congestionate e con una migliore qualità della vita”.

Giulia Spalletta