Clinica Eugin (TA): “Time Lapse Microscopy per il potenziamento dei trattamenti di fecondazione assistita”

La Clinica Eugin di Taranto ha introdotto la Time Lapse Microscopy per rendere ancor più efficaci i trattamenti legati alla fecondazione assistita. Un esempio di come la tecnologia sia di supporto per la medicina contemporanea

clinica eugin

Sempre più spesso si sente parlare di fecondazione assistita e di come la tecnologia sia entrata a far parte anche di questo settore medico, coadiuvando le pazienti alla buona riuscita dei trattamenti.

Ne è un esempio la Clinica Eugin di Taranto, che “offre ai propri pazienti trattamenti di procreazione medicalmente assistita secondo i più elevati standard clinici internazionali e introduce fra le tecnologie più all’avanguardia la possibilità di sottoporre gli embrioni elegibili al transfer a test di diagnostica di laboratorio, come l’osservazione in Time Lapse Microscopy con valutazione dei  parametri di morfochinesi dello sviluppo embrionario e come i test genetici preimpianto per malattie genetiche o difetti cromosomici”. A spiegarlo il Dr. Domenico Carone, Coordinatore Clinico della Clinica Eugin di Taranto.

“La Time Lapse Microscopy (TLM) – continua la dott.ssa Rosanna Chiappetta, medico del Centro di Taranto –  è una tecnologia innovativa che permette di integrare i sistemi di coltura degli embrioni con microscopi capaci di catturare immagini 24 ore su 24 mettendo a disposizione dei biologi criteri validi per la scelta corretta dell’embrione da utilizzare nel trattamento, ossia quello con le maggiori possibilità di impiantarsi”.

Nei trattamenti di fecondazione assistita tradizionale, infatti, l’embrione viene di norma osservato da un embriologo una o più volte al giorno sotto un microscopio, estraendolo dall’incubatore. “La nuova tecnologia TLM integra, invece, il microscopio all’interno dell’incubatore, permettendo di valutare l’embrione senza estrarlo dalla macchina, evitando così un evento potenzialmente traumatico per l’embrione stesso e fornendo informazioni più accurate rispetto ad una singola osservazione al microscopio”. Così la Dott.ssa Chiappetta sottolinea l’importanza e la portata ‘rivoluzionaria’ di questa specifica tecnologia.

“Il Centro di Taranto è inoltre in grado di effettuare la diagnosi genetica preimpianto (PGT) per malattie monogeniche e il test genetico preimpianto per difetti cromosomici, quest’ultimo utile in molte situazioni di fallimento ripetuto delle tecniche riproduttive” spiega la Dott.ssa Mariabeatrice Dal Canto, Responsabile dei Laboratori di embriologia del Gruppo Eugin Italia.

I centri che dispongono in Italia delle attrezzature e delle competenze necessarie per la realizzazione di TLM e PGT sono pochi, perché richiedono attrezzature e software costosi e quindi un significativo investimento economico e una elevata esperienza per potere essere correttamente impiegati.

La Clinica Eugin Taranto è tra le poche strutture in Italia a poter vantare l’impiego di entrambe queste tecnologie, a dimostrazione del suo forte impegno per garantire sempre i migliori trattamenti ai propri pazienti.

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.