Autovalutazione del livello di digitalizzazione delle aziende perugine

Ogni impresa potrà scattarsi un “selfie” per vedere criticità e competenze.

La Camera di Commercio di Perugia adopera il linguaggio delle modernità, come selfie, per fare il ritratto, il selfie, appunto, della propria per quanto riguarda il livello di maturità digitale. Il Servizio denominato SELFI4.0 è una proposta dei PID delle Camere di Commercio, di fatto già operativo e rivolto a tutte le aziende, anche quelle più piccole, che più fanno fatica a comprendere i vantaggi legati all’adozione delle tecnologie digitali.

Tutto questo è indirizzato verso le imprese che ancora guardano a Internet con sospetto o pensano di essere troppo piccole per il mondo dei big data o che in fondo del digitale si può anche fare a meno, entrare nei programmi del PID, Punto di Impresa Digitale della Camera di Commercio di Perugia può essere la scorciatoia per riguadagnare il terreno perduto. L’Ente Camerale perugino offre un pacchetto di attività digitali rivolto alle imprese di tutti i settori, soprattutto quelle di più piccole dimensioni, che rappresentano la stragrande maggioranza del sistema produttivo locale.

Tutto ruota intorno al Punto di Impresa Digitale costituito all’interno dell’ente, uno degli 88 PID della rete nazionale Impresa 4.0, in carico al sistema camerale.

A Perugia è stato predisposto e di fatto è già operativo il servizio di Self assessment denominato SELFI4.0, che consente ad ogni impresa di effettuare la mappatura della propria maturità digitale – digital maturity assessment – primo indispensabile passaggio per dare vita a un processo di trasformazione tecnologica 4.0. Il test SELFI4.0 è articolato in 8 aree tematiche diverse ed è messo a disposizione gratuitamente dal PID della Camera di Commercio di Perugia. E’ la stessa impresa, dunque, che scatta il selfie ed esegue l’autovalutazione, individuando il proprio status digitale: esordiente, apprendista, specialista, esperto o, addirittura, campione del digitale. A completamento del test, il PID rilascia all’impresa un report con indicazioni utili al fine di conoscere le aree critiche su cui intervenire, in modo da migliorare la digital position dell’azienda. Successivamente, l’azienda potrà contattare il PID camerale per prenotare un assessment guidato con un Digital Promoter, professionista specializzato nelle tecnologie dell’impresa 4.0, preparato dallo stesso PID, che eseguirà l’assessment o presso la Camera di Commercio o, a richiesta, direttamente in azienda.

“Il nostro Punto Impresa Digitale – ha detto Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di Commercio di Perugia – è il primo livello di contatto delle aziende nell’ambito del Network nazionale Impresa 4.0. Gli strumenti di assessment che mettiamo a loro disposizione permettono di capire quali sono i punti di forza e debolezza del loro stato digitale. Dopo questo step l’impresa potrà decidere su cosa investire per migliorare la propria competitività puntando sulle nuove tecnologie. La Camera assisterà le imprese anche sul fronte della ricerca delle risorse finanziarie. E’ partito il primo Bando del PID per l’assegnazione alle imprese dei Voucher Digitali 4.0 con una dotazione di 75.000,00 euro. Sempre sul digitale abbiamo realizzato investimenti diretti come Camera di Commercio di Perugia per circa 1 milione di euro: un Bando per la digitalizzazione delle pmi nei settori Turismo, Agroalimentare e Artigianato Artistico e un Bando per l’Innovazione digitale per il Manifatturiero e l’Artigianato non Artistico”.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”