Una fabbrica umbra che riparte: la GoSource Italia di Narni

Una decina di tecnici sono entrati nello stabilimento narnese nell’ottica del riavvio

Riparte davvero la fabbrica; una decina di tecnici sono entrati stamattina nello stabilimento narnese di quella che era la Sgl carbon e che oggi è la cinese GoSorce Italia. Un drappello di una decina di persone hanno iniziato a prendere contatto con gli impianti nell’ottica di una ripartenza della fabbrica che ritornerà a produrre elettrodi sin dal prossimo mese, non appena saranno giunte le autorizzazioni ambientali attese a fronte del termine della bonifica ambientale portata avanti.
Ecco il Comunicato ufficiale della Associazione Industriale della Provincia di Terni: “La GoSource Italy, la società italiana di GoSource Group Limited che ha sottoscritto il contratto di compravendita con Sgl Carbon in liquidazione del sito cosiddetto Narni 2, è al lavoro per far ripartire al più presto l’attività produttiva. L’amministratore delegato, nominato a metà dicembre, Luca Stinchelli e il direttore dello stabilimento Luigi Nigrelli, sono entrambi impegnati su più fronti e si aspettano che la produzione di elettrodi in grafite per forni elettrici di acciaierie possa ripartire entro un tempo ragionevole.
“La prima linea dei manager – sottolinea Stinchelli – è già stata selezionata e contrattualizzata. Siamo in attesa di ricevere il provvedimento di Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e il parere di Arpa Umbria, sulla bonifica dell’area, quale presupposto per il rilascio del certificato di avvenuta bonifica; ci auguriamo che ciò possa avvenire entro la fine del mese di gennaio. Nel frattempo, in questi giorni abbiamo avviato una attività propedeutica alla ripartenza effettiva”.
Lunedì, infatti, sono cominciati alcuni sopralluoghi con l’obiettivo di mappare le condizioni del sito produttivo in modo che l’azienda possa essere pronta a ripartire, sul presupposto che gli enti preposti rilasceranno l’AIA e il certificato di avvenuta bonifica previo parere positivo dell’ARPA.
Contemporaneamente, è in corso un confronto con il Ministero dello Sviluppo Economico, sia per verificare la possibilità di accesso alle facilitazioni per i progetti nell’ambito dell’Area di Crisi Complessa Terni-Narni, sia per le agevolazioni previste per le aziende energivore.
GoSource Italy, confermando quanto annunciato al Mise in occasione dell’acquisizione dello stabilimento produttivo narnese, ribadisce l’impegno assunto con il proprio piano industriale e prevede un investimento di circa 30 milioni di euro di capitale, nell’arco temporale di 3 anni qualora si riesca ad ottenere l’accesso alle facilitazioni economiche in tempo utile. Quando il sito riprenderà la capacità massima di produzione, è previsto inoltre l’impiego di almeno 100 dipendenti e la produzione di 30.000 tonnellate per anno di elettrodi in grafite che servirà a coprire la crescente domanda che arriva dalle regioni dell’EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa).

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”