Vertenza Nardi: domani e domenica lavoratori in piazza

Prosegue lo sciopero dei dipendenti dell’azienda di San Giustino

I lavoratori della Nardi Spa di San Giustino portano all’esterno dell’azienda la loro azione di protesta, determinata dal mancato pagamento degli stipendi arretrati e dalla mancanza di un interlocutore chiaro dopo la cessione dell’azienda a un fondo finanziario britannico.

Domani, venerdì 19 gennaio, dalle 11 alle 12 i lavoratori portano il presidio nel piazzale antistante la stazione ferroviaria di Selci Lama. Domenica, dalle 10 alle 12, si svolgeranno due cortei: il primo con partenza da piazza Ferrer a Lama, il secondo da viale Nardi al cento di Selci con il ricongiungimento all’altro; la conclusione dei cortei avverrà alla stazione ferroviaria. Lunedì vi sarà infine l’assemblea sindacale per stabilire le eventuali nuove iniziative.

Al fianco dei lavoratori della Nardi si sono schierati i rappresentanti istituzionali. Come spiegato nei giorni scorsi in una nota unitaria dei sindacati firmata da Maurizio Maurizi (segretario generale della Fiom Cgil di Perugia), Adolfo Pierotti (segretario generale della Fim Cisl Umbria) e Daniele Brizi (segretario della Uilm Uil di Perugia), la Giunta regionale “si è attivata per convocare un tavolo istituzionale con la nuova proprietà e le parti sociali, cercando di coinvolgere anche il governo nazionale” mentre “le amministrazioni di Città di Castello e San Giustino hanno assicurato il massimo impegno nell’ambito delle loro competenze per difendere una realtà industriale vitale per l’intero Alto Tevere”.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.