Climanet, dalla Regione Lazio pronto un nuovo bando per il riscaldamento

Il bando prevede incentivi utili alle famiglie e alle imprese che vogliano dotarsi di sistemi di riscaldamento più efficienti e a basso impatto ambientale. “L’obiettivo – spiega Nicola Di Franco dell’azienda romana Climanet – è ridurre l'inquinamento dell'aria incentivando privati e imprese grazie ad un contributo a fondo perduto pari al 60%”.

Disponibile a breve un bando della Regione Lazio di 4 milioni e 850mila euro per sostituire le vecchie caldaie e le stufe con generatori di calore a basse emissioni o con generatori di calore alimentati a gas, anche con l’aggiunta di pannelli solari termici ed elettrofiltri. L’iniziativa rientra nel pacchetto “Aria pulita”, che comprende un investimento complessivo di circa 15 milioni di euro per una serie di interventi.

“Il bando, anticipato dalla stampa di settore – spiega Nicola Di Franco dell’azienda romana Climanet – prevede la rottamazione e la sostituzione di vecchi generatori di calore (caldaie, stufe, termocamini, ecc.) alimentati a biomasse legnose (ciocchi, cippato, bricchette, pellets, ecc.), con generatori di calore alimentati a biomasse legnose a basse emissioni ed alto rendimento o con generatori di calore alimentati a gas (metano, GPL), anche con l’aggiunta di pannelli solari termici o collettori integrati. Oppure con l’installazione di elettrofiltri finalizzata alla riduzione delle emissioni di particolato sottile degli impianti a biomasse legnose”. Al bando potranno partecipare i soggetti pubblici o privati.

La Regione Lazio, sulla base di questi massimali di investimenti ammessi, concede un contributo a fondo perduto pari al 60%. “Un intervento utile commenta Di Franco di Climanet – a migliorare la qualità dell’aria e per ridurre le emissioni di materiale particolato in atmosfera e nei centri urbani”.

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.