Confcommercio: “Dal lavoro la vera integrazione”

Lo afferma il presidente della sede di Terni Stefano Lupi nell’incontro con gli studenti del corso di arte bianca dell’Università dei Sapori

“E’ attraverso il lavoro, al quale si accede più facilmente dopo aver acquisito nuove competenze e professionalità, che si fa vera accoglienza e integrazione”. Ad affermarlo è il presidente della Confcommercio Terni, Stefano Lupi, nel salutare i giovani assistiti dalla Caritas che partecipano al corso di arte bianca organizzato a Terni dall’Università dei Sapori.

Un’opportunità con cui si dà “concretezza al concetto di accoglienza e integrazione attraverso la formazione e l’accesso a competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro”. A rendere possibile tale opportunità è l’Università dei Sapori, che vuole “essere sempre più un punto di riferimento per chi vuole acquisire o sviluppare competenze di alto livello nel settore della ristorazione e dell’enogastronomia”.

Location del corso sarà la nuova sede di Terni, grazie alla quale, afferma Anna Rita Fioroni (presidente dell’Università dei Sapori), “abbiamo implementato la nostra presenza fisica sul territorio al fine di creare sempre nuove opportunità di acquisizione delle competenze per i giovani che si avviano a percorsi professionalizzanti e di aggiornamento per tutti coloro che già operano nel settore”.

La forza dell’Università dei Sapori, come spiegato dalla sua presidente, è “lavorare in stretta sinergia con gli operatori e le aziende”, fatto che “permette di ricoprire un importante ruolo di snodo che favorisce la creazione di opportunità tese a rinforzare il tessuto economico e sociale del territorio al quale apparteniamo. Anche il corso Caritas è un esempio delle tante sinergie che possiamo costruire, in questo caso con un’importante fetta del volontariato, per favorire l’integrazione e il miglioramento del contesto socio economico anche con protagonisti “diversi” dal mondo economico produttivo”.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.