Edilizia scolastica: come stanno le nostre scuole? La Regione vuole saperne di più.

I nostri bambini frequentano scuole sicure? Gli ultimi eventi sismici hanno minato la stabilità degli edifici adibiti alla formazione? A Villa Umbra una tavola rotonda per rispondere a queste ed altre importanti domande sull’edilizia scolastica regionale.

scuola

Lunedì, 17 luglio, alla Scuola Europea di Amministrazione Pubblica Villa Umbra, la Regione Umbria incontra i sindaci, l’Ufficio scolastico regionale e i dirigenti scolastici per fare il punto sullo stato di salute degli edifici scolastici e prevedere misure di miglioramento, anche in considerazione dei finanziamenti disponibili e delle normative vigenti.

Edilizia scolastica post sisma: le nostre scuole sono ancora sicure?

Diversi i punti che verranno affrontati nel corso della giornata, a partire dalle problematiche legate allo stato degli immobili e agli interventi mirati alla riqualificazione degli edifici. Particolare attenzione sarà data alla valutazione della condizione delle sedi scolastiche successiva al terremoto che, nell’ultimo anno, ha colpito diversi centri dell’Umbria con danni più o meno ingenti.

Il meeting, promosso dall’assessore regionale all’istruzione Antonio Bartolini, si terrà nella Sala Europea della Scuola Umbria di Amministrazione Pubblica a Villa Umbria (PG), dalle 9.00 alle 14.00.

Le amministrazioni si incontrano: l’edilizia scolastica può migliorare

Siederanno al tavolo di confronto le amministrazioni: Antonio Bartolini, il direttore generale del Ministero dell’istruzione, il dirigente del ministero Paola Iandolo e la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini.

Presenti all’incontro anche Nando Mismetti e Giampiero Lattanzi, rispettivamente presidenti delle province di Perugia e di Terni, oltre a Francesco De Rebotti, presidente di Anci Umbria.

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.