Umbria Jazz: diventa Festival di interesse nazionale

Il Senato ha approvato la nuova legge, che prevede un finanziamento di un milione di euro all'anno per la kermesse

Soddisfazione unanime da parte dei politici umbri per il riconoscimento, da parte del Senato, dell’Umbria Jazz tra i festival di interesse nazionale. La nuova legge prevede un finanziamento di un milione di euro all’anno. Il che significa proseguimento della kermesse jazzistica, dallo straordinario valore artistico e culturali, con ricadute notevoli anche sul comparto turistico umbro.

Un segnale ottimo per una regione colpita ancora dal terremoto dello scorso anno. La Regione finanzia il Festival dell’Umbria Jazz di Spoleto con un altro milione di euro. L’assessore regionale Fernanda Cecchini ha così commentato: “La garanzia delle risorse ci permette di guardare con serenità al futuro di questa grande manifestazione e di rafforzare l’offerta culturale. L’auspicio è che il Festival che ha fatto dell’Umbria la capitale del jazz continui a crescere e a offrire momenti di grande spettacolo agli amanti del genere musicale che, per ogni edizione, arrivano in Umbria da tutte le parti del mondo”.

Ringraziamenti anche dalla Fondazione Umbria Jazz: “Per Umbria Jazz è il risultato di un lavoro di 44 anni, con obiettivo migliorare la vita culturale dell’Italia, promuovere il jazz come musica d’arte contemporanea e diffondere la cultura italiana all’estero. La legge significa una grande responsabilità, che diventerà grande stimolo”.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.