È possibile un’area più pulita in aereo?

L’aereo è un ambiente chiuso e l’aria che circola al suo interno favorisce la trasmissione di malattie, anche mortali. Una persona in volo con l’H1N1 ha contagiato 17 persone, una con la SARS 22.

Studiando la dinamica dei fluidi, Raymond Wang ha creato una simulazione di come si muove l’area all’interno della cabina di un aereo e ha studiato un sistema per ridurre di circa 55 volte la trasmissione degli agenti patogeni, così da limitare il contagio di altre persone comprese quelle immediatamente vicine al passeggero malato, e aumentare l’inalazione di area fresca di circa il 190%. Il segreto è un piccolo dispositivo a forma di pinna.

L’installazione del sistema studiato da Wang verrebbe a costare meno di mille dollari per ogni aereo, a fronte dei 40 miliardi di dollari che è costata al mondo l’epidemia di SARS e ai 3mila miliardi di dollari che in futuro potrebbe costare un grande focolaio di una malattia simile.

Con tale progetto Wang a soli 17 anni ha vinto nel 2015 l’Intel Science and Engineering Fair, la più grande competizione scientifica pre-college del mondo.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.