Ricostruzione post-sisma 1997: 9,5 milioni a disposizione per i Comuni umbri

Delibera regionale interessa soprattutto Assisi, Foligno, Spello, Trevi e Spoleto. Fondi pure per Arrone e Montefalco

Altri 9 milioni e mezzo di euro destinati ad interventi di ricostruzione post-sisma 1997. È quanto prevede la delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta della presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, che aveva richiesto un apposito lavoro di verifica delle eventuali economie di passati piani finanziari, con la quale si è deciso di indirizzare i fondi recuperati per soddisfare le richieste pervenute da parte degli Enti attuatori per il completamento di interventi di ricostruzione nei settori P.I.R., Opere pubbliche e Beni culturali dell’area umbra colpita dal sisma nel 1997.

Nello specifico, Assisi sarà destinataria di quasi 1.180.000 euro utili per il completamento dei lavori di Palazzo Vallemani e del consolidamento delle mura urbiche del P.I.R. Rocca Sant’Angelo e delle mura del castello di San Gregorio.

A Foligno sono stati assegnati 950 mila euro per le opere infrastrutturali e pavimentazione P.I.R. Centro storico e completamento Casale Boldrini. Spello riceverà 2 milioni di euro per il completamento di infrastrutture a rete e pavimentazione del P.I.R. Centro storico. Due milioni e 800 mila euro i fondi destinati invece al completamento dell’ex Seminario Arcivescovile di Spoleto.

È di oltre un milione e 350 mila euro la somma a disposizione di Trevi per l’ex convento di Sant’Antonio e per gli edifici compresi nel complesso di Villa Fabri o dei Boemi del capoluogo. Altre risorse andranno – per complessivi 1 milione 200 mila euro – ai Comuni di Arrone (realizzazione di un centro di prima accoglienza, di un’area ammassamento mezzi e soccorsi e di un’area di gestione emergenziale, nella zona di vocabolo Isola, a servizio dei Comuni di Arrone, Ferentillo, Montefranco e Polino); Montefalco (ripristino muro centro storico); Cerreto di Spoleto, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino e Sellano (tutti per realizzazione di centri di comunità).

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.