Fincantieri Marinette Marine: costruirà 4 navi per l’Arabia Saudita

Sono state commissionate dalla Us Navy al consorzio di Lockheed Martin, valgono 1,3 miliardi di dollari

Tocca a Fincantieri Marinette Marine (FMM), che fa parte del consorzio guidato da Lockheed Martin, costruire quattro unità Multi-Mission Surface Combatants (MMSC) per il regno dell’Arabia Saudita. La commessa è arrivata dalla Us Navy, nell’ambito del programma Foreign Military Sales del Paese. Il contratto vale 1,3 miliardi di dollari. Le navi verranno costruite nello stabilimento di Marinette, nel Wisconsin, dove recentemente è stato in visita il vice presidente degli Stati Uniti Mike Pence.

Le unità si distingueranno per la grande manovrabilità, grazie alla flessibilità del monoscafo delle Littoral Combat Ship (LCS), classe Freedom. Si tratta delle unità realizzate dallo stesso consorzio per conto della Us Navy e di cui finora sono state consegnate nove unità. Altre sette sono già in costruzione. L’autonomia delle imbarcazioni è stata portata a cinquemila miglia nautiche, mentre la velocità potrà superare i trenta nodi. Saranno dunque in grado di pattugliare le coste, ma saranno capaci di farlo pure in mare aperto. In sostanza, saranno l’ideale per affrontare tutte le moderne minacce alla sicurezza marittima ed economica.

L’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, così ha commentato: “Alcuni ordini, come questo, oltre ad avere una notevole rilevanza economica, si connotano anche per importanti aspetti industriali. Un tale risultato, infatti, corona uno straordinario lavoro che ci ha portato a consolidare una reputazione di assoluta eccellenza anche nel mercato statunitense, notoriamente molto complesso, ed è un attestato alle capacità strategiche, tecnologiche e gestionali che Fincantieri è in grado di esprimere sempre al più alto livello e in qualsiasi contesto”.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.