I Giovani di Confindustria Umbria in festa: ricorrono i 60 anni dalla costituzione del Gruppo

La presidente Caporali: “Formazione e conoscenza del territorio fondamentali per crescere”

E’ stata l’occasione per tracciare un bilancio delle attività e festeggiare una ricorrenza importante. E così l’Assemblea annuale del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Umbria, che si è svolta lunedì 9 dicembre a Spoleto, ha ricordato il 60esimo anniversario della costituzione del Gruppo. “Alla tradizionale assemblea – ha spiegato la presidente del Gruppo Giovani di Confindustria Umbria Ilaria Caporali – quest’anno si è aggiunto un momento di celebrazione, che è anche un modo per ricordare il passato. Nonostante i periodi di difficoltà, le fughe in avanti o i rallentamenti che ci sono stati nel tempo, le motivazioni per cui quel Gruppo è stato fondato sono le stesse che ci muovono oggi: il bisogno di fare formazione, di crescere e di stringere relazioni, per noi e le nostre aziende”. Ilaria Caporali, da tre anni alla guida dei Giovani Imprenditori umbri, ha ricordato che l’organizzazione del Gruppo si è basata su alcune parole-chiave: sviluppo, conoscenza del territorio, formazione e internazionalizzazione. “Abbiamo partecipato a numerosi momenti di formazione – ha sottolineato la presidente Caporali – e organizzato molte visite nelle aziende della nostra regione, perché riteniamo che siano strumenti essenziali per conoscere gli imprenditori e le loro visioni”.
L’evento è stato preceduto da un workshop di Oscar di Montigny, manager di primo piano di Banca Mediolanum e tra gli speaker più richiesti negli incontri internazionali in cui si affrontano i trend che stanno modificando le nostre vite. Di Montigny ha conquistato il pubblico parlando di un’economia basata sull’equilibrio tra innovazione e sostenibilità, fondata su trasparenza, gratitudine e responsabilità.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”