Aeroporti: in crescita voli e passeggeri

Trend di crescita di voli e passeggeri negli aeroporti italiani nei primi nove mesi del 2019

aeroporti

L’analisi degli ultimi dati pubblicati da Assaeroporti conferma il trend di crescita di voli e passeggeri negli aeroporti italiani. Nei primi 9 mesi del 2019 il traffico, nei 38 scali nazionali monitorati da Assaeroporti, si attesta a 149,5 milioni di passeggeri e circa 1,3 milioni di movimenti, in espansione rispettivamente del 4,1% e 3,4% con riferimento allo stesso periodo dell’anno precedente.

Importanti gli incrementi percentuali registrati negli aeroporti del Sud (Campania, Puglia, Calabria e Abruzzo) che corrispondono al 10,2% per il traffico passeggeri e 5,2% per il numero dei movimenti aerei. L’infografica nella prima sezione evidenzia una crescita generale in tutte le macroregioni analizzate.

Nel dettaglio regionale la Sardegna si pone in linea con la crescita nazionale mostrando una maggiore vivacità nell’evoluzione del numero dei voli, che aumentano del 5% rispetto ai primi 9 mesi dell’anno precedente, ovvero ben 3.430 movimenti in più. Il risultato positivo è stato ottenuto soprattutto grazie alle ottime performance registrate dall’aeroporto di Cagliari che con la sua crescita di circa 285 mila passeggeri (+8,2%) e di oltre 3.600 voli (+13%). Considerato che lo scalo del “capo di sotto” aveva chiuso il 2018 con oltre 4 milioni di passeggeri, registrando un anno record, i nuovi dati (ancora parziali) fanno presupporre un’altra annata da incorniciare.

Dati positivi  anche per l’aeroporto di Alghero. I movimenti sfiorano quota 9.000, quasi 200 in più rispetto al periodo gennaio-settembre 2018, e i passeggeri crescono di oltre 10 mila presenze; dato che conferma i buoni risultati del “Riviera del Corallo” già manifestati l’anno precedente.

In leggera flessione i risultati dell’aeroporto di Olbia sia per il traffico dei passeggeri (-0.5%) che il numero dei movimenti (-1.2%). Il trend negativo è stato determinato esclusivamente dal segmento nazionale: i voli da e per la penisola sono diminuiti del 4,3% e i passeggeri del 3,9%. Si conferma invece la vocazione fortemente turistica e internazionale dell’aeroporto gallurese che vede crescere di quasi 40 mila unità il numero delle persone transitate da e verso l’estero. Quasi la metà dei voli internazionali e dei passeggeri stranieri che arrivano in Sardegna scelgono come scalo quello gallurese.

Giulia Spalletta