Enologica di Bologna: dal 19 ottobre vino e cucina in mostra

Fino al 21 ottobre Palazzo Re Enzo ospita l'evento di Enoteca Regionale: tutto rigorosamente Made in Emilia Romagna

Tutto pronto per la nuova edizione di Enologica, Salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia Romagna, in programma il 19, il 20 e il 21 ottobre a Bologna. A parlarne diffusamente sono Pierluigi Sciolette e Ambrogio Manzi, presidente e direttore di Enoteca Regionale Emilia Romagna.

“Dal Vinitaly a Enologica, passando da molteplici altri appuntamenti in Italia e nel mondo, la strategia di Enoteca Regionale Emilia Romagna corre sempre lungo una direttrice comune, condivisa con i produttori e i Consorzi di tutela: promuovere i vini emiliano-romagnoli e i territori d’appartenenza, incredibili contenitori di arte, cultura, tradizioni, natura, gastronomia e capaci di soddisfare tutte le esigenze di un turista attento, esigente e responsabile. E proprio l’enoturismo, e con esso l’accoglienza che da sempre ci contraddistingue, rappresenta per la nostra regione un’importante opportunità sulla quale Enoteca Regionale ha scommesso e investito in termini di risorse, idee, contenuti, comunicazione. L’accoglienza, abbinata alla professionalità, è l’altro punto nevralgico sul quale possiamo fare la differenza a livello nazionale e internazionale. Accoglienza che si traduce anche in benessere e nella capacità delle nostre cantine di ricevere direttamente, fornendo loro servizi di qualità, i tanti turisti che sempre più numerosi ci scelgono per trascorrere le proprie vacanze. Vacanze ed esperienze uniche, non omologate, da ricordare grazie al vino, al cibo e all’Emilia Romagna Style”.

Se il 2018 è stato l’anno della tante novità, il 2019 sarà quello delle conferme e di qualche aggiustamento. A partire dal periodo di svolgimento, che permette ai produttori di organizzarsi con più calma dopo la fine della vendemmia. Conferme per Luca Gardini e Adua Villa, che potenzieranno i seminari sui vini, gli incontri gastronomici con i migliori chef della regione, la conoscenza territoriale dei prodotti cucinati e non, abbinati ai vini. Enoteca Regionale sarà coinvolta per ampliare il numero di operatori e opinion leader internazionali. Fulcro della tre giorni sarà Palazzo Re Enzo, sede storica di Enologica a Bologna. Nel salone centrale verranno ospitati un centinaio di produttori. Qui si potranno trovare i vini a denominazione: Albana e Sangiovese per la Romagna, Pignoletto per il bolognese, Lambrusco per il modenese, il reggiano e il parmense, Malvasia per il parmense e il piacentino, Gutturnio per il piacentino, con una piccola deviazione nel ferrarese per il Fortana, e senza dimenticare i tanti autoctoni che punteggiano collina e pianura.

A fare da cornice un maxischermo, con video dei territori. E poi incontri food&vine con Gardini, Villa e i loro ospiti. ‘Via Emilia Cooking and Wines Talk’ è appunto il titolo del salotto che ospiterà gli incontri curati da Gardini e Villa per valorizzare in cucina le materie prime emiliano-romagnole e gli abbinamenti con i vini regionali. Ci saranno i migliori chef della via Emilia che si cimenteranno nella preparazione di una pietanza per una piccola degustazione e intanto avranno da interfacciarsi con esponenti del mondo turistico: albergatori, giornalisti del settore, esponenti Apt; e con esponenti del mondo enogastronomico: rappresentanti dei Consorzi, produttori, giornalisti del settore.

La sera si continua. Appena chiude Enologica, il 20 ottobre, tutti a Fico, dalle 18, per l’ultima tappa di Tramonto DiVino, road show che per tutta l’estate ha portato le eccellenze enogastronomiche regionali sulle spiagge e nelle città d’arte dell’Emilia Romagna. I sommelier Ais racconteranno e mesceranno i vini emiliano-romagnoli presenti sugli scaffali della Fabbrica Italiana Contadina. Tramonto DiVino si chiuderà all’estero: il 19 novembre, a ‘InCantina’, ristorante, enoteca, wine bar di proprietà dell’Enoteca Regionale Emilia Romagna a Francoforte.

Tornando a Enologica, il lunedì ci sarà com’è tradizione la consegna del premio ‘Carta Canta’, riservato a ristoranti, enoteche, bar, agriturismi e hotel che propongono un assortimento qualificato di vini regionali nei menù. Novità è il progetto ‘Carta Canta Academy’: un corso per promuovere l’impresa ristorante. Il corso consta di quattro incontri per 16 ore formative, da svolgersi a Bologna nel mese di ottobre. Sempre nel corso di Enologica 2019 verrà presentato il programma di ‘Mediterranean Cheese and Wines – MCW’, approvato nell’ambito del bando MULTI-C-2018 – REG. 1144/14 per la presentazione dei prodotti specifici DOP e IGP in Grecia, Francia, Germania e Italia. Prima dell’ingresso della manifestazione sarà allestito uno stand ad hoc.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.