Chirurgia e Medicina estetica, con Reface il giusto mix tra salute e bellezza

Lo studio della dott.ssa Sisti all’avanguardia per tecniche di intervento e tecnologie impiegate, con una profonda attenzione al benessere psico fisico del paziente

C’è un filo sottilissimo che unisce la volontà di sentirsi ancora giovani e belli, con la necessità di rispettare al meglio la naturalezza e l’armoniosità del proprio corpo. Lo sa bene la dott.ssa Cinzia Sisti, chirurgo estetico titolare dello studio Reface a Terranuova Bracciolini (Arezzo), che da molti anni opera nel settore con professionalità, riservatezza, ed un servizio di consulenza prima e dopo l’intervento.

“La numerosa esperienza maturata nel settore, sia in Italia che all’estero, mi ha permesso di offrire ai pazienti un ampio spettro di servizi nell’ambito del mondo dell’estetica, prestando sempre particolare attenzione all’aspetto piscologico. Si tratta di un punto fondamentale, per ogni medico che pratica questa professione, perché il nostro ruolo non deve essere quello di orientare i pazienti, ma di accompagnarli, ascoltare le loro esigenze, dare consigli da esperti ed essere totalmente sinceri su quali saranno i risultati ottenibili. Solo così il paziente sarà pienamente soddisfatto dell’intervento, accettando naturalmente i cambiamenti”.

Un approccio che si concentra più sulla consulenza, dove il cliente viene accompagnato in un percorso di miglioramento del proprio aspetto, che lo aiuterà a sentirsi meglio con il proprio corpo. “Ci sono molte donne che non si piacciono per via del proprio seno – spiega la dott.ssa Sisti – e quindi ricorrono alla mastoplastica additiva, altri che invece sono insoddisfatti del loro naso e quindi vanno dal chirurgo per eliminare quello che per loro è un difetto fisico importante, causa di imbarazzi e disagi”.

Ma oltre ai classici interventi di chirurgia estetica, la dott.ssa Sisti è specializzata anche in trattamenti di Medicina Estetica, eseguiti con le più moderne tecnologie e tecniche all’avanguardia. “Presso il mio studio vengono eseguiti interventi volti a contrastare l’invecchiamento generale della persona, con tecniche mini invasive e non chirurgiche. L’approccio che abbiamo, nei confronti di questi interventi, è di tipo conservativo. Non vogliamo stravolgere le persone e il loro aspetto e questo ritengo che sia fondamentale. È importante garantire interventi poco invasivi e più naturali, senza stravolgere la fisionomia delle persone”.

Anche se la clientela resta più prettamente femminile, e di una fascia di età compresa tra i 40 ed i 50 anni, sono in aumento anche gli uomini che si concedono un “ritocchino”, per migliorare il proprio aspetto . “Negli ultimi anni è aumentata la clientela maschile, perché anche gli uomini che fin da sempre hanno dato importanza al loro aspetto, curando lo scolpirsi dei muscoli e del corpo in palestra, si sono poi rivolti anche ai centri estetici e quindi negli ultimi anni anche al medico e chirurgo estetico per la cura non solo del corpo, come le adiposità localizzate addominali (gli uomini tengono molto alla “tartaruga”), ma anche altri trattamenti e interventi volti a migliorare il proprio aspetto, dalle piccole rughe del viso  all’aspetto più masculino del volto, come uno zigomo o una mascella più prominente, oltre ai classici interventi di rinoplastica od otoplastica.

SCOPRI DI PIÙ

Leggi anche Dottoressa Cinzia Sisti: “Nella chirurgia estetica occorre equilibrare bellezza e benessere, senza stravolgere gli equilibri”

Leggi l’approfondimento Ansa Chirurgia estetica: interventi al seno e al naso i più richiesti

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.