Premio “Storie di Alternanza”: consegnati i riconoscimenti agli Istituti superiori e agli studenti.

L’esperienza è stata raccontata con video e docufilm che raccontano le loro “Storie di Alternanza”, vissute tra aule scolastiche e luoghi di lavoro.

Sei Istituti Superiori della provincia di Perugia, una folla di studenti (oltre 250) delle ultime classi, i tutor che li hanno seguiti nella realizzazione dei format, hanno sfilato sul “red carpet” di “Storie di Alternanza”, premio nazionale per docufilm e video sul tema dell’Alternanza Scuola – Lavoro, che ieri ha vissuto il suo momento culminante con la cerimonia di premiazione al Centro Congressi della Camera di Commercio di Perugia.
Il Concorso nazionale “Storie di Alternanza” offre agli studenti la possibilità di mettersi alla prova come creatori e divulgatori di prodotti multimediali – video e docufilm – ispirati alle esperienze vissute dagli stessi studenti nelle ore di “Alternanza Scuola Lavoro”.
I lavori presentati all’Edizione 2019, sono stati vagliati da una Commissione Giudicatrice che al termine di una analisi estremamente accurata e approfondita, ha individuato come i più meritevoli.
Tra i Licei si è affermato il “Properzio” di Assisi, con il docufilm dei ragazzi della III A e IV A sugli Scavi archeologici di Scarlino (Grosseto) dei siti Vetricella e Vetulonia – il quartiere ellenistico. I giovani registi / sceneggiatori del “Properzio” hanno saputo raccontare la loro storia “con apprezzabile spirito di sintesi – dice la motivazione del premio – sia dal punto di vista pratico che teorico, riuscendo a descrivere efficacemente i tratti relazionali dell’esperienza vissuta nell’ambiente di lavoro e le competenze acquisite anche in termini di organizzazione del lavoro e di spirito di iniziativa”.

Per la Categoria Istituti Tecnici e Professionali, primo premio “Storie di Alternanza” all’IPIA, Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato “E.Orfini” di Foligno, classi III e IV Moda, per il video “Per tessere il filo del futuro”. In questo caso è stata riconosciuta agli studenti la capacità di “combinare la formazione teorica in classe di carattere multidisciplinare con le esperienze pratiche in azienda”.
Secondo premio all’IIS, Istituto di Istruzione Superiore, Cavour-Marconi-Pascal di PERUGIA, Classe IV A1 Moda. Titolo del video “Abiti da scartare” “progetto che si è contraddistinto per un elevato valore orientativo e un forte rapporto con il tessuto imprenditoriale del territorio, rappresentato dal coinvolgimento di aziende storiche del comparto produttivo del Perugino”.
Terzo premio nella stessa categoria degli Istituti Tecnici e Professionali, l’ITET, Istituto Tecnico, Economico, Tecnologico “Capitini” di Perugia, con il servizio – video #Apprendo#Imprendo, girato dai ragazzi delle IV A AFL e IV A SIA. Premio assegnato al video girato dal gruppo di studenti perugini “per aver approfondito le tematiche legate all’innovazione in azienda ed alle caratteristiche della figura dell’imprenditore, declinate attraverso il contatto diretto con gli operatori”.
All’Edizione 2019 di “Storie di Alternanza” hanno preso parte complessivamente sei Istituti superiori della provincia di Perugia e oltre 250 studenti: il Liceo Properzio di Assisi (VI A Classico, III A Classico), l’ITT Franchetti Salviani di Città di Castello (classe VC Elettronica), l’IIS Cavour Marconi Pascal di Perugia (classi IV A1 Moda e IVE1 Manutenzione Elettrica), l’ITET “Capitini” di Perugia (classi VA AFM, VA SIA, IVA SIA, IVA AFM, IVB AFM, IV CAT), l’ IPA di S.Anatolia di Narco (IV A, IV B, V A e V B Gestione Ambiente e Territorio) e l’IPIA E. Orfini di Foligno (III AM Moda, IV AM Moda).

“Storie di Alternanza” 2019 è un altro tratto della grande sfida dell’Alternanza Scuola Lavoro, su cui la Camera di Commercio di Perugia lavora e investe fin da prima che la normativa ci assegnasse quel ruolo di raccordo fra scuola ed economia che stiamo cercando, con fatica e con puntiglio, di rafforzare” ha ricordato il Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni. “Potenziare l’incontro tra mondo della scuola e della formazione con quello del lavoro” ha aggiunto Mencaroni “è la mission dei prossimi anni per il sistema camerale. Un incontro, che, a guardare i lavori di “Storie di Alternanza” 2019, ha avuto esiti particolarmente proficui”.
Il Premio “Storie di alternanza” è un’iniziativa promossa da Unioncamere e dalle Camere di Commercio italiane con l’obiettivo di valorizzare e dare visibilità ai racconti dei progetti d’alternanza scuola-lavoro ideati, elaborati e realizzati dagli studenti e dai tutor degli Istituti scolastici italiani di secondo grado.
L’iniziativa vuole accrescere la qualità e l’efficacia dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, attivare una proficua collaborazione tra le scuole e le imprese ed gli Enti coinvolti, rendere significativa l’esperienza attraverso il “racconto” delle attività svolte e delle competenze maturate nel percorso di alternanza scuola-lavoro.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”