Artigianato, imprese marchio ed entroterra: la Regione salva gli incentivi

Secondo Confartigianato è garantita la continuità del contributi per le imprese artigiane liguri di nicchia

artigianato

Il consiglio regionale integra le risorse per i contributi alle imprese del marchio “Artigiani In Liguria” e dell’entroterra. Costi
(Confartigianato): «Garantita la continuità dei contributi per le nostre imprese di “nicchia”: grazie al presidente Toti e all’assessore Benveduti che hanno raccolto il nostro grido di allarme»

«Ringraziamo il presidente della Regione Giovanni Toti e l’assessore allo Sviluppo economico Andrea Benveduti che hanno prontamente raccolto il nostro grido di allarme e trovato le risorse che evitano il rischio di sospensione degli incentivi per le imprese del marchio “Artigiani In Liguria” e dell’entroterra». È questo il commento del segretario regionale di Confartigianato Liguria Luca Costi, dopo l’approvazione da parte del consiglio regionale dell’assestamento di bilancio “tecnico” che stanzia ulteriori 100 mila euro per Artigiancassa.

Artigiancassa finanzia, con fondi regionali, gli acquisti di macchinari e attrezzature delle imprese dei settori dell’artigianato artistico, tradizionale e tipico di qualità, in possesso del marchio “Artigiani In Liguria” e quelle con sede operativa in uno dei Comuni dell’entroterra. Il contributo è del 30% con un massimale di 10 mila euro. «L’importo – conclude Costi – consente di arrivare alla prossima variazione di bilancio di giugno con le risorse stanziate e quindi invitiamo le imprese interessate a programmare serenamente gli investimenti e presentare le domande di contributo».

Giulia Spalletta