Festa della Donna: rassegna cinematografica del Centro regionale per le pari opportunità

La rassegna inizia il 5 marzo e si tiene ogni martedì, fino al 2 aprile, alle ore 21 al Cinema Zenith. Ingresso gratuito

cinema

In occasione delle celebrazioni per la “Giornata internazionale della Donna – 8 Marzo”, il Centro regionale per le pari opportunità rinnova l’appuntamento con la rassegna cinematografica “A proposito di donne”, giunta alla sua undicesima edizione. Da domani, martedì 5 marzo, fino al 2 aprile, tutti i martedì alle ore 21 al Cinema Zenith, con ingresso gratuito, saranno proposti film e incontri con registe, ospiti e testimonianze.

La rassegna, nel corso degli anni, ha sempre riscosso un grande successo di pubblico – ricordano dal Centro pari opportunità – proponendo, attraverso il mezzo cinematografico, riflessioni a tutto campo sulla identità/differenza femminile sia dando spazio e visibilità al lavoro di numerose registe italiane e internazionali, sia presentando film e storie che declinano, in vario modo, il significato della differenza di genere. Protagonisti assoluti di tutti gli eventi saranno, anche in questa edizione, la voce delle donne e soprattutto il loro “sguardo” sul mondo, dispiegati attraverso svariate forme artistiche e culturali: teatro, cinema, musica, arte e innovazione.

L’iniziativa – la cui realizzazione è stata affidata al Cinema Zenith di Perugia – si colloca tra le attività della Biblioteca delle Donne “Laura Cipollone”, servizio del Centro per le pari opportunità che ha l’obiettivo di diffondere ed incentivare la produzione letteraria, artistica e scientifica femminile. Una realtà unica a livello regionale e anche nazionale.

Domani, martedì 5 marzo, ad aprire il programma della rassegna sarà “Corti di Donne” (1968/2018), con la proiezione di una serie di cortometraggi, selezione della sezione “We Want the Cinema” in collaborazione con Pesaro Film Festival. “Corti di Donne” rappresenta l’unica rassegna in Italia interamente dedicata al cinema breve al femminile. Coordinerà la serata la professoressa Giulia Simi.

Un formato espressivo, quello del cortometraggio, che si avvale di uno specifico linguaggio e di un proprio circuito distributivo, costituito soprattutto dai festival e dagli eventi specializzati. Il festival di Pesaro, che grazie alla rassegna “A Proposito di Donne” approda anche a Perugia, inizialmente concepito per garantire una vetrina alle film-maker meridionali, spesso penalizzate dalla carenza di strutture e di opportunità di circolazione delle proprie opere, ha attirato fin dalla prima edizione l’attenzione delle registe non solo italiane ma di tutto il mondo, divenendo in breve tempo un appuntamento consolidato, sia per gli addetti ai lavori che per gli studiosi delle tematiche connesse all’universo femminile. “Corti di Donne” non è solo un’occasione di visione e promozione dei corti realizzati dalle donne, ma anche un momento di incontro e dialogo tra giovani artiste di diversa estrazione culturale e provenienza geografica. Un’opportunità che, nel tempo, si è spesso trasformata in collaborazioni professionali e nuovi progetti condivisi.

I titoli in programma sono: “Lucidi Folli”; “Congiuntivo Futuro”; “Come Persone”; “Titolo Originale” di Ursula Ferrara; “The Red Shoes”; “Copies Récentes Du Paysages Ancienne”; “Petite Histoire Des Plateaux Abandonnés” di Ra Di Martino; “Legenda” di Eva Marisaldi; “Nui Simu” di Marinella Senatore; “Wind Speed 40 Knots” di Laura Grisi.

Si prosegue martedì 12 marzo con “Sembra mio Figlio” di Costanza Quatriglio, con la regista che sarà ospite in sala. Una storia drammatica girata tra l’Europa e il Medio Oriente, che racconta, attraverso il viaggio disperato di un profugo afgano appartenente all’etnia Hazara, il dramma del genocidio vissuto da questa popolazione negli anni ‘90 e l’eterna guerra per la sopravvivenza combattuta nella zona tra Iran, Afghanistan e Pakistan.

Martedì 19 marzo è in programma il film di Sabrina Varani “Pagine nascoste”. La regista sarà ospite in sala. In programma martedì 26 marzo “Arrivederci Saigon”, di Wilma Labate, per completare la rassegna, martedì 2 aprile, con “Tito e gli alieni” di Paola Randi (che sarà presente alla proiezione).

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.