Aziende Umbria: alla guida sempre meno giovani

In aumento la presenza femminile che si attesta al 31%

agricoltura

Sempre meno giovani al comando delle imprese umbre. L’invecchiamento, se così lo vogliamo chiamare, di chi è a capo delle imprese è strettamente legato a quello che da alcuni anni si nota e cioè una diminuzione della popolazione, con un conseguente aumento dell’età media che accomuna non solo l’Umbria ma tutto il territorio italiano: una popolazione che in Umbria vede il 46,6% di over 50 contro un 44,04% dell’Italia e un 44,9% dell’Italia centrale. L’indice di vecchiaia in Umbria si attesta nel 2018 a quota 199,35 (Istat), ovvero praticamente 2 over 65 ogni under 15, con un valore più accentuato dell’Italia (1,7 over 65 per ogni under 15) e del Centro Italia (1,8 over 65 ogni under 15).

Questi dati si rispecchiano nei titolari di cariche sociali (coloro che a vario titolo rivestono una qualifica o assumono una determinata carica nelle imprese) dove gli over 50 arrivano a quasi il 59% in Umbria (58,7%) si fermano al 58,5% nelle imprese dell’Italia centrale e al 57,4% in quelle italiane. Sono 149.624 le persone titolari di cariche sociali in Umbria, con un 37,3% rappresentato dagli Amministratori, un 32,8% dai Titolari, un 22,9% ai Soci e un restante 7% dalle Altre cariche. Rispetto ai valori nazionali l’Umbria vede una maggior presenza di persone che rivestono la carica di socio (15,6% in Italia centrale e 14,1% in Italia) e per contro una presenza più contenuta degli amministratori (43,3% in Italia centrale e 42% in Italia).

Rispetto allo scorso anno, le persone con cariche sociali sono in calo (-0,3% in Umbria) con i soli amministratori che segnano un aumento mentre per quanto riguarda la divisione per sesso, la presenza femminile sta gradualmente aumentando negli anni, tanto da passare dal 29,6% del 2010 al 30,9% del dato attuale (e nelle cariche di socio arrivano a superare il 40% del totale). Per classe di età, come già anticipato, l’Umbria vede il 44,6% dei titolari di cariche che hanno tra i 50 e i 69 anni, il 36,5% tra i 30 e i 49 anni, il 14% degli over 70 e solo un 3,9% con un’età compresa tra i 18 e i 25 anni. Il 14 % degli over 70 pone l’Umbria tra le regioni italiane con i valori più alti, superata solo da Liguria, Lazio e con la Lombardia a “pari merito”, laddove l’Italia centrale si ferma a 13,8% e il valore nazionale al 13%.

Il settore con la maggior presenza giovanile e più in generale degli under 50 è l’Alloggio e ristorazione, dove le persone con cariche comprese tra i 18 e i 29 anni arrivano al 6% e quelle con età compresa tra i 30 e i 49 anni al 44,8%. Buona presenza dei giovani nell’Agricoltura (18-29 anni) con un 5,5% rispetto al dato Italiano (4,4%) anche se in questo settore sono gli over 50 ad avere un ruolo di primo piano ricoprendo il 69% del totale delle cariche sociali.

Il 90,8% delle persone che rivestono cariche sono italiane, il 5,3% provengono da paesi extra europei e il 2,6% sono comunitari. La percentuale di extra europei risulta più bassa sia nel confronto con l’Italia (6,6%) che con l’Italia centrale (7,8%) mentre la presenza comunitaria supera il valore nazionale (2,3%) ma è inferiore a quello delle media delle regioni centrali (2,8%). Rispetto allo scorso anno in Umbria aumentano gli extracomunitari del 2,1% e i comunitari dell’1,2%, in calo le cariche di nazionalità italiana mentre rispetto al 2010 gli extracomunitari sono aumentati del 24,8% e i comunitari del 5,7%, confermando la diminuzione di titolari di carica italiani.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.