Università di Perugia: dottorato honoris causa al professor Kumbakonam Rajagopal

Il riconoscimento in Ingegneria Industriale e dell'Informazione

L’Università di Perugia ha conferito il dottorato di ricerca honoris causa in ‘Ingegneria Industriale e dell’Informazione’ a Kumbakonam R. Rajagopal. Il professore della TEXAS A&M University, che vanta oltre 20mila citazioni e un h-index di 80, ha pubblicato oltre 500 lavori nelle più prestigiose riviste internazionali del settore, ha lavorato con eccellenza nell’ambito della meccanica dei fluidi non-newtoniani, dei materiali granulari e delle miscele solido-fluido, dello studio della visco-elasticità e termo-elasticità.

Promotore del riconoscimento è stato il professore Ermanno Cardelli (coordinatore del dottorato in Ingegneria Industriale e dell’Informazione), che ha introdotto il professor Rajagopal. Il professor Giuseppe Saccomandi, direttore del Dipartimento di Ingegneria, ha invece presentato la figura dello scienziato all’uditorio dell’Aula Magna del Polo di Ingegneria sottolineando come nei 25 anni di rapporti con l’Ateneo perugino “ha sempre aiutato studenti e ricercatori affiancandoli anche nell’ottenere importanti risultati di ricerca” ed evidenziando che “il conferimento di questa onorificenza, quindi, suggella questa lunga collaborazione”. La Lectio Doctoralis del professor Rajagopal ha riguardato “L’importanza generale dell’istruzione superiore”.

Unanime il giudizio favorevole espresso dalla Commissione per il conferimento del dottorato, composta dal Magnifico Rettore Franco Moriconi e dai professori  Giuseppe Saccomandi ed Edvige Pucci (membri esperti), Franco Cotana, Paolo Valigi, Paolo Conti, Elisabetta Zanetti. Il rettore Moriconi ha quindi consegnato al Dottore honoris causa Kumbakonam Rajagopal il libro (simbolo del sapere), l’anello (che rappresenta l’unione del laureato con la disciplina), il bacio accademico, il ‘tocco’, la toga dottorale e la pergamena.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.