Cantine Solferino (Sava): la “ricetta” per affermarsi è la qualità di un prodotto innovativo messo a disposizione delle cantine che lo imbottigliano

L’azienda di Carlo e Giampaolo Solferino è attiva da quasi mezzo secolo ed oggi si propone come una delle realtà più consolidate tra coloro che producono vino e lo vendono a grandi cantine nazionali ed internazionali

La “favola” delle Cantine Solferino nasce nel lontano 1975, quando Vincenzo Solferino lascia il suo tranquillo posto in banca per avviare con coraggio una attività di vinificatore. La sede è quella attuale, alle porte di Sava (Taranto) e si comincia con un piccolo ufficio e pochi silos per il vino: Vincenzo è convinto che la formidabile qualità dell’uva prodotta in questa zona può fare la differenza. Del resto, anche i grandi imbottigliatori francesi adocchiano la “terra del Primitivo” in sostituzione dell’uva prodotta in Algeria.

La scommessa di Solferino è quella di trasformare il rapporto con gli imbottigliatori che fino a quel momento si erano limitati a comprare un “vino generico” da utilizzare con altro prodotto di maggiore pregio. L’obiettivo, insomma, era quello di inserirsi a pieno titolo tra i produttori di vino “premium”. Una ‘mission’ raggiunta con 4-5 anni di anticipo rispetto a tutti gli altri della zona. Il tutto, grazie ad un cospicuo investimento in tecnologia. Nel 1985, infatti, le cantine Solferino cominciarono a “termovinificare”, cioè a produrre vino raffreddandolo ed in quell’epoca era poco più che fantascienza.

Un primo sforzo di innovazione che Vincenzo Solferino compì insieme ai suoi collaboratori, tutti sottoposti ad una formazione costante.

E’ così che questa realtà produttiva ha assunto un ruolo di assoluto prestigio a livello nazionale e internazionale, resistendo anche alla tentazione di imbottigliare direttamente il vino prodotto.

Oggi le Cantine Solferino sono ben guidate da Carlo e da Giampaolo, i due figli del compianto capostipite Vincenzo. Carlo si occupa della gestione amministrativa, mentre Giampaolo sonda nuovi mercati, studia le evoluzioni dei gusti dei consumatori e concorda il tipo di vino da produrre per ogni singolo cliente e per il paese in cui dovrà commercializzarlo.

A loro si aggiunge un team di collaboratori estremamente validi e motivati che rappresentano il vero valore aggiunto dell’azienda.

Alla fine di un lungo lavoro di programmazione, ogni anno partono dalle Cantine Solferino autobotti che consentono di dar vita ad una produzione di ben 13 milioni di bottiglie, grazie a clienti ben quotati e presenti nei mercati di Italia, Svezia, Norvegia, Belgio, Germania, Francia, Inghilterra, Svizzera e Canada.

Ma il lavoro non si ferma neanche dopo la “partenza” del vino. Occorre, infatti, programmare il futuro, individuare nuovi prodotti da sottoporre ai clienti e girare il mondo per capirne le evoluzioni in un segmento così vivace come quello del vino. Le prospettive di crescita aziendale sono notevoli, ma Carlo e Giampaolo restano con i piedi ben ancorati per terra, scegliendo di confermarsi ancora per molto dei produttori “puri” che non imbottigliano per una precisa politica aziendale e non certo per mancanza di sbocchi di mercato per le proprie etichette.

Tutto questo gli consente di scegliersi i clienti e di programmare con loro una evoluzione dei prodotti per affrontare le nuove sfide dei mercati, a partire da quello dei più giovani, così imprevedibile, ma allo stesso tempo così accattivante per i risultati che potrebbe far conseguire.

SCOPRI DI PIÙ

Leggi anche Cantine Solferino (Sava): qui si creano vini destinati alle cantine più prestigiose, in Italia e all’estero. La sfida dell’innovazione

Leggi l’approfondimento Ansa Cantine Solferino: la sfida dei mercati si vince studiando i gusti dei consumatori

 

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.