Belgio e Olanda, due importanti riferimenti per l’export vitivinicolo italiano

L'Ice promuove nel 2019 la Borsa dei Vini ad Amsterdam e a Bruxelles, che si terrà dall'11 al 13 marzo

borsa dei vini

Sarà un 2019 particolarmente intenso per il settore vitivinicolo italiano e per gli operatori impegnati a internazionalizzare i prodotti made in Italy. Tra questi c’è anche e soprattutto l’Ice, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, che tra le tante attività messe in campo ha previsto anche di verificare lo stato di salute del mercato del Banelux con l’organizzazione della Borsa dei vini ad Amsterdam e Bruxelles, in calendario dal’11 al 13 marzo.

Belgio e Olanda sono due importanti riferimenti per l’export vitivinicolo italiano. Tra gennaio e luglio di quest’anno si è registrato per il Belgio un valore di 73milioni di euro e un aumento del 13.4%, mentre per l’Olanda il valore è pari a 83milioni e la crescita è del 10%. L’Italia è il terzo Paese fornitore in Belgio, con una quota di mercato dell’8% che la relega alle spalle della Francia (54.6%) e della Spagna (11%), mentre in Olanda la quota di mercato è dell’8.4%, preceduta da Francia (26.65%), Germania (17.9%), Cile (11.2%) e Spagna (9.8%).

La Borsa è un efficace strumento di promozione, che consente ai produttori di cogliere nuove opportunità commerciali e consolidare i propri contatti. Saranno ammesse al massimo venti aziende. Per candidarsi occorre entro il 14 dicembre presentare il modulo di adesione allegato e il regolamento generale per la partecipazione alle iniziative dell’Ice alla pec vini@cert.ice.it.

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.