Maker Faire: alla settima edizione anche Kids&Education

Questa sesta edizione di Maker Faire prepara uno spazio di 10mila mq per didattica e intrattenimento all'interno del padiglione riservato a bambini e genitori

kids&education

Torna “Maker Faire Rome – The European Edition” (dal 12 al 14 ottobre, presso Fiera di Roma) e presenta Kids&Education, in collaborazione con Codemotion dedicato ai più giovani e alle famiglie all’insegna della formazione, del divertimento e delle innovazioni tecnologiche di ultima generazione.

La sesta edizione della manifestazione dedicata alle invenzioni e alla tecnologia più seguita d’Europa, organizzata dalla Camera di Commercio di Roma, riserva ampio spazio agli apprendisti maker: 10 mila mq ricchi di intrattenimento daranno a bambini e ragazzi dai 4 ai 15 anni la possibilità di sperimentare l’aspetto ludico e creativo dell’innovazione all’interno del padiglione n. 7 della Fiera di Roma.

Manualità e sperimentazione, gioco e condivisione, apprendimento e formazione, senza mai dimenticare il divertimento! Mai come quest’anno il team porta a Maker Faire Rome un’esperienza completa per ragazzi e genitori, con infinite occasioni di condivisione ludico-creative: tante attività a fine didattico e formativo all’insegna del coding, dell’elettronica, del making e della robotica.

Dieci isole didattiche vedranno protagonisti i più piccoli con avvincenti sfide, mentre gli spazi fablab consentiranno loro di calarsi nei panni di veri maker e cimentarsi con gli strumenti del mestiere.
Nell’area Open Lab i piccoli inventori potranno scoprire tutti i segreti per diventare un maker: un tour di circa un’ora, in un’area di 500mq, per sperimentare le diverse facce creative della tecnologia e senza i loro accompagnatori. Quest’anno in programma attività di coding, robotica, making e realtà aumentata davvero imperdibili!

Il Creative Learning Table sarà una delle maggiori attrazioni: un tavolo ricco di attività di tinkering per espandere le capacità creative e manuali grazie al riuso creativo di materiali da riciclo. Destinatari di questo nuovo spazio saranno non solo i bambini, ma soprattutto i genitori e gli educatori, che per la prima volta vivranno un’esperienza pratica e creativa fianco a fianco con i propri figli o studenti.

Le esperienze proseguiranno con Kids! Fablab – Techno fashion design, dove tessuti e componenti elettronici saranno a disposizione di genitori e figli che insieme dovranno inventare la creazione di fashion design più tech mai vista prima!

All’interno dell’area “cinema” VR Zone, grandi e piccoli vivranno un’esperienza di realtà virtuale sul tema del making e dell’esplorazione, pensata e sviluppata appositamente dagli organizzatori.

E per gli appassionati dei Robot? Ritorna a grande richiesta la Missione su Marte: l’arena robotica, che ha conquistato pubblico e media durante la scorsa edizione della Maker Faire Rome, si presenta in una versione 2.0 per coinvolgere ancora di più i piccoli Maker in sfide a colpi di robot sempre più avvincenti.
Inoltre, grazie ad un inedito sistema di tasselli codificanti, i ragazzi saranno guidati nella programmazione di decine di mini-robot per districarsi autonomamente in un intricato labirinto. Ci sarà spazio anche per la fantasia, tra fiaba e coding: il famoso robottino Cubetto sarà il protagonista di un’avvincente avventura e con l’aiuto dei piccoli partecipanti dovrà esplorare un mondo sconosciuto.

Il divertimento fa rima anche con musica: come si può generare suono attraverso la programmazione? La risposta è tra le attività hands-on di Maker Faire Rome: attraverso un linguaggio testuale di “live coding” usato anche dai professionisti, ragazze e ragazzi potranno realizzare la loro prima composizione di musica elettronica. Un’attività davvero affascinante per coinvolgere anche i teenagers!

E non è tutto: non mancheranno le piccole sfide a tempo per sviluppare la capacità di problem solving attraverso il coding, la realtà aumentata per realizzare invenzioni virtuali animate ed interattive, la possibilità di costruire, pilotare e programmare un droide come quelli dei film di fantascienza, grazie al kit educativo Littlebits.

L’offerta Kids&Education non finisce qui.

Presso lo “spazio circular Eni”, per i più giovani saranno organizzati 3 tipi di laboratori: con Gaudats Junk Band verrà insegnato il valore del riuso ed i rudimenti della musica in maniera originale e creativa. Durante il laboratorio verranno condivisi i presupposti etici della logica rifiuti zero, ed i partecipanti avranno modo di sviluppare le loro doti manuali e la loro fantasia proprio grazie alla costruzione di piccoli strumenti musicali fatti con materiali di scarto comuni. Seguirà poi il momento di alfabetizzazione musicale, operata proprio sullo strumento autocostruito. Tutto ciò permette ai ragazzi di avvicinarsi al concetto di riciclo, rispetto dell’ambiente, riuso dei materiali, alla dimensione del suonare insieme, divertirsi e imparare.
Con DiScienza i ragazzi si intratterranno con il laboratorio creativo Il Giusto messaggio – con l’obiettivo di creare una coscienza sulla necessità di un corretto smaltimento degli olii esausti senza essere didascalici e coinvolgendo direttamente il visitatore nel processo di creazione del messaggio. E al desk potranno realizzare delle spillette (pins), un opuscolo rilegato da loro oppure un magnete da frigo. Verrà messo a disposizione un ampio set di grafiche e testi già stampati da cui attingere, comporre e contemporaneamente personalizzare il proprio messaggio.

Infine, Escape the Waste!: un escapegame a tema “economia circolare”. Ai partecipanti (divisi in 4 squadre da 3) verranno consegnate delle valigette chiuse con una combinazione. Ogni valigia contiene una serie di enigmi che dovranno risolvere per arrivare ad un codice finale che permetterà di accedere ad un notebook decretando la squadra vincitrice.

Tanto intrattenimento anche con FS, per giocare e divertirsi con Playmobility e le diverse aree di gioco nel padiglione young makers.
Area Mobilità: Un laboratorio creativo per grandi e piccini dove costruire insieme delle sagome a tema mobilità, personalizzate con luci e colori. Operatori genitori e bambini potranno a turno costruire una riproduzione di un treno regionale Pop e Rock o di un treno AV Frecciarossa 1000 o di un bus corredato di un semplice e sicuro circuito elettrico costruito direttamente dai bambini. Il circuito, montato sulla scatola, darà la possibilità ai bambini di accendere e spegnere led multicolore.

Area Smart City: un percorso dedicato alla mobilità intelligente e con un particolare focus sulla intermodalità. I partecipanti utilizzeranno dei microrobot programmabili attraverso sequenze di colore. Lo scopo dell’attività sarà raggiungere la meta assegnata scegliendo il percorso migliore e differenziando le modalità di trasporto: treno, autobus o bicicletta. Ciascuna scelta sarà identificata con un colore con il quale si illuminerà il robot. Ai partecipanti verranno consegnate delle “schede percorso” che dovranno completare programmando il robot con delle istruzioni di movimento e di colore. Una volta scelta la strategia i partecipanti posizioneranno il robot sulla scheda percorso programmata ed eseguiranno il codice.

Area Creatività: una parete interattiva sensibilizzerà in maniera tecnologica e divertente i giovani sul tema del rispetto del treno come bene comune e un’area dedicata alla tecnica dello stop motion in cui i partecipanti saranno sfidati a realizzare un breve spot animato sui comportamenti responsabili da adottare durante il viaggio.

Area Gioco libero: dove ogni bambino potrà trasformarsi nel mezzo di trasporto preferito: un treno Rock o Pop, un veloce Frecciarossa 1000 oppure un Bus di Busitalia.

Dopo i successi della scorsa edizione, con 25.000 studenti provenienti dalle scuole del Lazio per l’Educational Day e più di 15.000 bambini e ragazzi coinvolti nelle attività all’interno del padiglione, anche quest’anno l’area dedicata ai giovanissimi è pronta a confermare il successo di questa iniziativa.

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.