E’ in arrivo la “Notte Europea dei Ricercatori”

Presentata l’edizione 2018 di SHARPER per venerdì 28 settembre . Coinvolta anche l’area urbana di Monteluce

E’ la notte della ricerca, la notte d3ella scienza e della voglia di progresso. Ed in questa ottica oltre 70 attività animeranno non solo il centro storico di Perugia ma anche la nuova area urbana di Monteluce, grande novità di quest’anno, e saranno 29 i luoghi tra i quali musei, sale storiche, dipartimenti universitari, birrerie, giardini e teatri nei quali oltre 400 ricercatori dell’ateneo perugino dialogheranno con i curiosi di tutte le età.
Si è svolta questa mattina, alla Sala del Dottorato dell’Università degli Studi di Perugia, la presentazione dell’edizione 2018 di SHARPER – Notte Europea dei Ricercatori, evento sostenuto dalla Commissione Europea e inserito tra i progetti di eccellenza in Europa nel quadro delle azioni Marie Skłodowska Curie, che si svolgerà il prossimo 28 settembre a Perugia, ma anche ad Ancona, Cagliari, Caserta, Catania, L’Aquila, Macerata, Napoli, Nuoro, Palermo, Pavia e Trieste.
SHARPER è infatti il progetto nazionale per la Notte Europea dei Ricercatori che promuove il dialogo tra mondo della ricerca e cittadini con oltre 600 iniziative in 12 capoluoghi di provincia di 8 regioni ed è inserito nel programma ufficiale del MìBAC tra le attività per l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale. A Perugia l’appuntamento si svolge per il sesto anno consecutivo ed è organizzato dall’Università degli Studi di Perugia e Psiquadro in collaborazione con Regione Umbria, Comune di Perugia e un’ampia rete di partner culturali. Durante la presentazione del programma di Perugia sono intervenuti il Magnifico Rettore Franco Moriconi, Anna Martellotti, delegato del rettore per l’orientamento e coordinatrice delle iniziative SHARPER per l’Università di Perugia, l’assessore regionale Antonio Bartolini, l’assessore del Comune di Perugia Michele Fioroni e Leonardo Alfonsi di Psiquadro, coordinatore nazionale di SHARPER, oltre ai rappresentanti dei partner che collaborano alla realizzazione del progetto. Intervenuto anche il dottor Giovanni Giudice, dirigente della divisione anticrimine della Questura, in rappresentanza della Polizia Scientifica di Perugia che sarà presente alla Notte dei Ricercatori.
“Sharper – ha commentato il Rettore Moriconi – è un’iniziativa partita in sordina e che ha progressivamente acquisito sempre maggiore importanza, fino ad arrivare all’attuale sesta edizione. Ha il grande merito di riuscire a coinvolgere componenti diverse della vita cittadina e stimolare la partecipazione e l’interesse di persone di ogni età”.
Per l’assessore Fioroni, Sharper “è un modo fondamentale per aprire i confini dell’Ateneo, di Perugia e del territorio e così per contaminarsi, modo migliore oggi di fare innovazione, e per dare degli stimoli alle nuovi generazioni”.
Anche per l’assessore regionale all’innovazione Bartolini Sharper è “uno degli eventi più qualificanti per la città di Perugia, città che coordina il progetto nazionale, perché la ricerca, oltre al patrimonio di beni culturali, è una delle nostre eccellenze”.
Soddisfatto Alfonsi di Psiquadro, coordinatore nazionale di SHARPER, il quale ha evidenziato il “coinvolgimento corale di tutto l’Ateneo e di una intera città”.
Anna Martellotti infine, che ha tirato le fila delle proposte che sono arrivate dai dipartimenti, ha parlato di un programma “enorme” e “variegato” con “tante cose da fare contemporaneamente”.
La “Notte” perugina, che prenderà il via dal pomeriggio, si aprirà con l’inaugurazione ufficiale e il taglio del nastro presso la nuova aula studio dell’Università in via Mazzini alle 16.30 alla presenza di Alessandra Luchetti – Direttore Excellent Science Department presso la Research Executive Agency di Bruxelles, del Magnifico Rettore Franco Moriconi e del sindaco di Perugia Andrea Romizi.
Tutta la città coinvolta, con gli spazi di San Pietro e l’ampliamento del numero dipartimenti aperti per la notte che quest’anno includeranno anche il Dipartimento di Matematica e Informatica e gli spazi di Palazzo Manzoni per l’area umanistica nel centro storico. Attività fino a San Matteo degli Armeni. Per la prima volta aperto anche Palazzo Murena che ospiterà alcune esposizioni dalle 16 alle 23.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”