Ponte Felcino, in Umbria via al parco della “rigenerazione”.

Una esperienza pilota di innovazione sociale che coinvolge tutta la comunità locale

Sette “passi” per dare vita all’Oasis game di Ponte Felcino alle porte di Perugia, lungo il Tevere: un sogno collettivo nell’area del Parco di Via Ala che coinvolge però la comunità locale con azioni semplici e decisive. La metodologia Oasis nasce in Brasile per poi diffondersi in tutto il mondo. Il processo vuole sviluppare la “bellezza”, l’”empatia”, la “determinazione”, la “responsabilità”, l’”equilibrio” e l’”eccellenza”, come capacità di offrire il meglio in ogni momento.

Ora si sperimenta a Ponte Felcino. Il progetto avviato il 15 giugno scorso e si concluderà dopodomani, primo luglio, con la presentazione del progetto elaborato, la rigenerazione del parco di via dell’Ala e degli step attraverso i quali verrà realizzato. È prevista anche una grande festa di quartiere, all’insegna dell’integrazione e della socializzazione.
“L’esperienza promossa a Ponte Felcino – evidenzia Luca Barberini, assessore regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare – è una sorta di azione pilota rispetto al bando regionale sull’innovazione sociale, che mette a disposizione del terzo settore, del mondo dell’associazionismo e della cooperazione oltre 6 milioni di euro per progetti innovativi di welfare territoriale, volti anche al recupero e alla rigenerazione di spazi urbani e alla sperimentazione di nuove forme di sviluppo locale e di inclusione sociale. L’obiettivo generale del progetto ‘Deep’ è quello di valorizzare il ruolo delle associazioni nei processi di programmazione e progettazione del welfare comunitario, coinvolgendo in maniera attiva anche i cittadini stranieri presenti sul territorio regionale”.
L’iniziativa “Oasis Game Ponte Felcino” è stata promossa con la partecipazione e collaborazione di una pluralità di soggetti, come il Comune di Perugia, Alisei coop, Scuola umbra di Amministrazione pubblica, Consulta di Ponte Felcino, Ponte d’Incontro 3.0, ADA Umbria e Pro Loco “La Felciniana” e si è integrato con gli eventi della Festa della Felciniana. Il capofila del progetto è la Regione Umbria, in partenariato con Alisei Società Cooperativa Sociale, CeSPI – Centro Studi di Politica Internazionale, Consorzio ABN A & B Network Sociale, Società Cooperativa Sociale ACTL.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”