Confcommercio su vendite al dettaglio: andamento lento

Si rafforzano i timori per una crescita del Pil nel 2018 inferiore al 2017

consumi alimentari

Il dato di febbraio, seppure in miglioramento rispetto alle attese, conferma che i consumi stentano a ripartire. Questo il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio alle rilevazioni sulle vendite al dettaglio diffuse oggi dall’Istat.

L’incremento congiunturale dello 0,9% in termini reali dell’indice, esclusivamente dovuto alla componente alimentare, è – continua la nota – solo frutto di un rimbalzo statistico dopo la doppia flessione di dicembre e gennaio scorsi. Infatti, nel confronto tendenziale con febbraio 2017, la variazione delle vendite in quantità è pari a zero.

L’intonazione dei consumi resta, dunque, debole e nell’attuale vacatio governativa, soprattutto rispetto agli assetti di finanza pubblica e al destino delle clausole di salvaguardia, sembrano rafforzarsi – conclude l’Ufficio Studi –  le incognite e i timori per una crescita del Pil nell’anno in corso inferiore a quella registrata nel 2017.

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.