Manini Connect: l’Internet of Things per il controllo dei prefabbricati

L’azienda di Assisi ha brevettato il primo sistema di monitoraggio in tempo reale degli edifici prefabbricati

Un sistema per monitorare gli edifici aumentando così il loro livello di sicurezza e l’efficienza delle costruzioni prefabbricate: si tratta di Manini Connect, brevettato dall’azienda assisana Manini Prefabbricati SpA che con la controllata MC-Manini Prefabbricati SpA conta quattro sedi e oltre 500 collaboratori. Un sistema che trova riscontro sia negli edifici di tipo industriale sia in quelli civili (scuole, uffici, grandi centri commerciali).

Manini Connect, che nasce a deriva di industria 4.0 e dell’Internet of Things (IoT), è un sistema integrato all’interno dei pilastri prefabbricati e può essere installato sia nella realizzazione di nuove costruzioni sia nella riqualificazione di edifici già esistenti; è inoltre scalabile e modulare rispondendo così a qualsiasi esigenza.

Grazie ai suoi sensori rileva dati riguardanti le caratteristiche termo-igrometriche interne dell’edificio e le variazioni determinate dalle sollecitazioni dinamiche, a cui si aggiungono quelle provenienti dall’esterno dell’edificio (temperatura, quantità di pioggia, qualità dell’aria, direzione e intensità del vento, efficienza di strumentazioni terze). Tutti questi dati vengono poi inviati e conservati su un cloud dedicato, per essere poi processati dal Centro di Controllo ed Elaborazione Dati di Manini Prefabbricati spa e quindi resi disponibili per i soggetti autorizzati tramite app. Nel caso in cui siano rilevate informazioni anomale queste vengono immediatamente segnalate dallo stesso centro a soggetti predefiniti e, su richiesta del cliente, Manini Prefabbricati effettua una ricognizione tramite droni per verificare l’esatta entità della problematica evidenziata e un servizio di ripristino delle condizioni ottimali dell’edificio.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.