Mobilità: disponibili 86 milioni per aeroporti, ferrovie, strade e dighe

Assegnati dal Comitato per la programmazione economica circa 86 milioni di euro per le infrastrutture stradali, aeroportuali, ferroviarie e per le dighe

mobilità

Il Comitato per la programmazione economica ha assegnato 86,87 milioni di euro per le dighe e le infrastrutture stradali, ferroviarie e aeroportuali della Sardegna.  Le somme sono state varate dal Cipe.

Si tratta di interventi fondamentali per lo sviluppo e la modernizazzione delle infrastrutture, soprattutto quelle aeroportuali che rappresentano un importante fattore strategico per l’isola.

14, 5 milioni di euro sono previsti per il collegamento alla provinciale Abbasanta-Buddusò-Olbia-Strada Statale 389 nel tratto Alà dei Sardi- Bivio Padru; 25 milioni per la Strada Statale 291-Alghero-Olmedo-Cantoneria Rudas; 2,05 milioni per il nuovo deposito ferroviario della sede di Alghero; 16 milioni per l’adeguamento delle infrastrutture di supporto all’assistenza al volo per l’aeroporto di Elmas.

Per quanto riguarda l’aeroporto di Olbia “Costa Smeralda” verranno stanziati 12,32 milioni per l’allungamento e la riqualificazione della pista che porteranno sicuramente ad una crescita del traffico; ed infine 17 milioni per interventi di sicurezza sismica e funzionale sulle dighe esistenti.

Per gli assessori dei Trasporti e dei Lavori Pubblici, Carlo Careddu ed Edoardo Balzarini, ciascuno di questi interventi rappresenterà una leva strategica per il territorio e porterà ad un miglioramento della sicurezza delle infrastrutture e della qualità della mobilità.

Tutti questi finanziamenti si aggiungono ad altri gia previsti, come i quasi 60 milioni destinati alla metropolitana di Cagliari linea Quartu Sant’Elena e ai 25 milioni per le manutenzioni straordinarie dei porti di Olbia, Cagliari e Porto Torres.

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.