L’essenziale è invisibile agli occhi: Coldiretti per i non vedenti e per gli ipovedenti

Appuntamento domenica 25 febbraio nella sede della Pro Loco di Rivotorto di Assisi dalle 20. Ricavato alle associazioni di volontariato

Si chiama ‘L’essenziale è invisibile agli occhi’ l’iniziativa che prende spunto dalla giornata nazionale del Braille (21 febbraio) ed è organizzata per domenica 25 febbraio da Coldiretti Giovani Impresa Umbria, in collaborazione con l’Irifor Umbria, il Consiglio regionale dell’Unione Italina Ciechi e ipovedenti e il Centro di consulenza tiflodidattica di Assisi.

Lo scopo è sostenere il diritto ad accedere alla comunicazione e alla cultura per chi ha disabilità visive. L’iniziativa è in programma alla Pro Loco di Rivotorto di Assisi, in via del Sacro Tugurio, dalle 10. Qui avverrà l’accoglienza dei partecipanti con una merenda di prodotti del territorio. Ci saranno , nell’arco della domenica, giochi per i bambini grazie agli operatori di fattoria didattica Coldiretti, laboratori di scrittura e lettura braille, giochi tattili sensoriali da parte degli operatori Irifor, pranzo di beneficenza con prodotti a km zero degli imprenditori Campagna Amica di Coldiretti.

Il ricavato andrà alle attività di formazione e riabilitazione portati avanti dalle associazioni, in particolare al soggiorno estivo dei bambini non vedenti e ipovedenti, organizzato ogni anno dall’Irifor Umbria e dal Cct di Assisi.

Coldiretti annuncia: “Tra le novità di quest’anno, una gustosa e curiosa gara culinaria a base di piatti creati per l’occasione dagli agrichef Campagna Amica di Terranostra Umbria, che poi saranno giudicati da una giuria di bambini”. Elena Tortoioli, delegata regionale Coldiretti Giovani Impresa, aggiunge: “Torna, per il terzo anno consecutivo, un’iniziativa che sta a molto cuore al nostro gruppo giovani. Da sottolineare che ala nuova agricoltura multifunzionale, che sempre più caratterizza le imprese agricole condotte da giovani, si sta specializzando negli ultimi anni in attività di interesse collettivo, con l’agricoltura sociale che in quest’ambito occupa un posto rilevante”.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.