Al Dipartimento di Scienze politiche dell’Unipg lo studio delle campagne elettorali

Insieme al London School of Economics, verranno analizzati i comportamenti e le strategie. Il via il prossimo venerdì.

I social media e le campagne elettorali: eccolo l’argomento che all’indomani delle consultazioni elettorali del prossimo quattro marzo verrà trattato al Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Perugia in collaborazione con la London School of Economics. Il workshop sarà intitolato “Social Media and Data Driven Targeting in Election Campaigns”, importante occasione per approfondire il tema delle campagne elettorali incentrate sull’utilizzo dei social media.
Avrà luogo venerdì 16, alle 09.00, e sabato 17 febbraio 2018 nell’Aula S1 del Dipartimento di Scienze Politiche in via Elce.

Accademici e professionisti del settore, provenienti da tutta Europa, saranno impegnati in una due giorni di dibattiti e approfondimenti, in cui verranno discussi i rischi e le opportunità derivanti dall’utilizzo dei big data e delle piattaforme digitali nelle campagne elettorali contemporanee.
Il focus centrale dell’iniziativa saranno quindi le cosiddette data driven campaign, ovvero le campagne elettorali altamente professionalizzate e specializzate in cui il messaggio politico viene sempre di più mirato e costruito sugli interessi e le aspettative dello specifico utente grazie all’utilizzo dei social media e dei big data. Se da una parte questo tipo di campagna ha facilitato i professionisti del settore nel creare dei messaggi politici più efficaci, dall’altra ha sollevato non poche perplessità circa le sue eventuali degenerazioni come le Fake news. Nel corso del dibattito verranno prese in considerazione le implicazioni in termini di privacy, derivanti dall’utilizzo di dati personali per la mappatura dei potenziali elettori, ma soprattutto si parlerà della necessità di una specifica regolamentazione, tutt’ora assente in Italia, e delle ripercussioni sulla qualità dell’informazione dell’elettore, con i pericoli derivanti dalla diffusione mirata di messaggi fuorvianti o di vere e proprie fake news.

Il workshop si articolerà in sette tavoli di discussione, coordinati, oltre che dagli organizzatori Paolo Mancini (Università degli Studi di Perugia) e Damian Tambini (London School of Economics), da Joao Carlos Vieira Magalhaes (London School of Economics), Johannes Hillje (spin doctor), Sara Bentivegna (“La Sapienza” Università di Roma), Samantha Bradshaw (Università di Oxford), Louis Knight-Webb (Who Targets Me).

 

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”