Regusto: l’app che fa dire addio agli sprechi alimentari

Sviluppata dalla startup perugina ‘Recuperiamo’ crea un tramite tra filiera alimentare consumatori, associazioni no profit

Annullare gli sprechi alimentari? Oggi è possibile grazie a Regusto, l’app sviluppata dalla startup perugina ‘Recuperiamo Srl’ che connette domanda e offerta di alimenti in scadenza o eccedenza. Alla base dell’iniziativa la volontà di cinque professionisti, con competenze nel settore agroalimentare e nell’ambito dello sviluppo web, di ottimizzare i passaggi della filiera agroalimentare con conseguente riduzione degli sprechi alimentari, che oggi valgono 13 miliardi di euro. Paolo Rellini (agronomo), Francesco Colica (esperto informatico) e gli imprenditori Andrea Cruciani, Marco Raspati e Daniele Grigi per ottenere il risultato da loro auspicato hanno così sviluppato due diversi strumenti: l’e-commerce e l’app.

Grazie al commercio online le aziende agricole, gli alimentari, la grande distribuzione, i ristoranti possono proporre offerte speciali per i prodotti invenduti attirando così nuovi acquirenti e incrementando i loro affari. Gli acquirenti dal canto loro possono avvalersi di prezzi vantaggiosi, grazie agli sconti che arrivano anche al 60%. Con l’app (per iOS e Android) vi è inoltre il vantaggio delle offerte personalizzate per aree geografiche.

La riduzione degli sprechi può avvenire però anche in beneficenza, tramite le donazioni da parte di negozianti e ristoratori ad enti e associazioni no profit: tali realtà, però, spesso non sono collegate e Regusto vuole porsi come anello di congiunzione. Proprio con tale fine, come annunciato da Rellini, il  Comune di Narni sta pensando di adottare l’app sviluppata dalla startup perugina.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.