Smart Grid, al via i due progetti affidati agli atenei sardi

La giunta regionale approva 24 milioni per i progetti degli atenei di Cagliari e Sassari

smart grid

Sì ai due progetti pilota per lo sviluppo di Smart Grid affidati alle Università di Cagliari e di Sassari, che renderanno energeticamente più efficienti gli immobili accademici.

L’ha deciso la giunta regionale su proposta dell’assessora regionale dell’Industria, Maria Grazia Piras. L’esecutivo presieduto da Francesco Pigliaru ha approvato i programmi di intervento presentati dalle due Università, che rientrano nel Patto per la Sardegna siglato da Regione e Governo.

I due interventi costeranno 24milioni di euro, 12milioni ciascuno, e saranno finanziati dal Fondo di sviluppo e coesione 2014-2020. Le azioni rientrano peraltro tra quelle già previste dal Piano energetico ambientale regionale e si inseriscono nella più ampia strategia energetica della Regione, che punta modernizzare il sistema e a passare da un modello energetico centralizzato a uno regionale, distribuito, integrato, interconnesso e sostenibile.

L’Università di Cagliari realizzerà smart grid per il Campus di Monserrato e il polo di Ingegneria e Architettura, quella di Sassari per i poli di Agraria, nel quartiere di Monserrato, per quello Bionaturalistico nella zona di Piandanna e per quello Giuridico, nel centro cittadino.

Cagliari prevede interventi infrastrutturali, come il sistema di cogenerazione a gas naturale per coprire i consumi elettrici e termici durante l’inverno e gli impianti fotovoltaici per gli altri consumi. Il progetto integra la gestione di fonti rinnovabili non programmabili, come il fotovoltaico, con fonti non rinnovabili a basso livello di emissioni, come il gas. Il tutto sarà integrato con la mobilità elettrica attraverso il ricorso a una flotta di veicoli elettrici da destinare al car sharing e al car pooling che consentirà a docenti e dipendenti di raggiungere il campus dalle proprie abitazioni.

L’Università di Sassari realizzerà una smart grid per ciascuno dei poli più energivori dell’ateneo attraverso impianti di produzione fotovoltaica e di storage che consentiranno di minimizzare gli assorbimenti di energia da rete e di innalzare il livello di autosufficienza energetica di ogni polo. Nel polo di Agraria si realizzerà un impianto ad alta concentrazione fotovoltaica per produrre l’energia elettrica e termica utile a integrare quella della centrale termica dell’ospedale veterinario per la climatizzazione invernale e per quella estiva. Anche Sassari promuoverà la mobilità elettrica grazie all’installazione di stazioni di ricarica e al car sharing con veicoli elettrici.

 

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.