Avicoli ornamentali: nel fine settimana la mostra a Perugia

Organizzata al Molino della Catasta di Ponte Felcino dall’Associazione umbra avicoltori

Più di 180 soggetti provenienti da quasi tutti i paesi del mondo saranno esposti alla ‘Mostra sociale di avicoli ornamentali’ in programma al Molino della Catasta di Ponte Felcino a Perugia sabato 27 e domenica 28 gennaio. La manifestazione che raccoglie galline, anatre, oche, pulcini e galli è unica nel suo genere e rappresenta il punto più elevato della vita sociale dell’Associazione umbra avicoltori, presieduta da Marco Bindocci.

Un’occasione per scoprire la grande biodiversità di tali animali, grazie anche ai cartellini che accompagneranno ogni razza esposta: un modo per conoscere origine, caratteristiche e particolarità di tali animali. I bambini inoltre potranno assistere anche alla nascita di pulcini, grazie a un’incubatrice opportunamente modificata.

L’Associazione umbra avicoltori è nata a Perugia 8 anni fa dall’incontro di due appassionati di polli, dalla loro voglia di discutere insieme della loro passione e dal successivo passaparola che ha portato il gruppo a crescere sempre più. “Raggiunti i dieci membri – racconta il presidente – abbiamo avuto l’idea di creare uno spazio dove accogliere tutti gli appassionati di avicoltura, creare momenti di discussione e interazione. Così è nata l’Associazione umbra avicoltori (successivamente si è unita alla Fiav – Federazione italiana associazioni avicole). Con il passare del tempo, il gruppo è sempre più cresciuto e l’apporto che arriva da ogni singolo socio è sempre importantissimo. Insieme abbiamo organizzato eventi e manifestazioni espositive, organizzato spostamenti in altre regioni e partecipato con i nostri amici animali a diverse manifestazione espositive”. “Lo spirito che ci guida – conclude Bindocci – è quello di divulgare la passione per questo bellissimo mondo a più gente possibile, cercando di offrire il meglio di noi per la formazione di allevatori consapevoli che il benessere degli animali è prioritario. Come il rispetto del territorio e la valorizzazione di questi stupendi animali”.

Laura Proietti

Giornalista professionista, ho lavorato per carta stampata (quotidiani e settimanali), agenzie di stampa e siti internet. Ho esplorato la produzione della notizia in ogni sua sfaccettatura: come reporter e come addetta stampa. Ho spaziato nei settori più diversi: dalla cronaca all’enogastronomia, dalla politica all’economia, con un occhio particolare allo sport.