Legge di bilancio: corso molto partecipato a Villa Umbra

In centoventi per capire le novità della legge di bilancio.

Cambiamenti e novità della legge che segnerà i bilancio pubblici del 2018 sono state sviscerate nel corso, che si è tenuto oggi, 16 dicembre, a Villa Umbra. Il titolo dell’incontro era “Il bilancio di previsione 2018 e le attività propedeutiche alla chiusura del rendiconto”.
A parlarne è stata chiamata Paola Mariani, Direttore Amministrativo contabile presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato.
“La Legge di Bilancio 2018 – ha spiegato la Mariani – concede nel Bilancio di previsione degli Enti locali una ulteriore gradualità nella misura dell’accantonamento al Fondo Crediti di dubbia esigibilità, ampliando così la capacità di spesa rispetto alla disciplina previgente. Semplifica il Documento Unico di Programmazione per gli Enti fino a 5mila abitanti. Introduce, inoltre, novità in tema di pareggio in merito all’utilizzo degli spazi, favorendo gli Enti che presentano avanzi di amministrazione liquidi e sanzionando in caso di mancato utilizzo, in particolare degli spazi richiesti”.
I lavori si sono concentrati sugli aspetti di maggiore rilievo nell’attività di predisposizione del bilancio di previsione 2018, alla luce delle novità della Legge di Bilancio. Con la riforma della contabilità pubblica e le norme sul pareggio di bilancio vengono ulteriormente in evidenza i principi della corretta programmazione dei fabbisogni per la gestione dell’attività finanziaria e il monitoraggio degli equilibri finanziari degli Enti locali.
Particolare interesse è stato espresso dai numerosi partecipanti, oltre 120 iscritti, provenienti non soltanto dal territorio regionale ma anche dalla Toscana e dalle Marche.
“La nuova legge di bilancio – ha affermato Mariani – si propone di rilanciare gli investimenti e anche di allentare i vincoli di finanza pubblica in materia di pareggio”.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”