Ospedale di Terni: rimossa massa di 20 cm con robot

Al Santa Maria, il professor Mearini e la sua equipe si sono spinti dove finora mai nessuno si era spinto: rimossa neopolasia surrenalica enorme

L’ospedale di Terni è di nuovo nella storia. Il professor Ettore Mearini, insieme alla sua squadra, ha infatti rimosso una massa neoplasica surrenalica di 20 centimetri senza ferri, ma solo utilizzando un robot. Il paziente operato, di 55 anni, è già tornato al lavoro e sta bene. Era arrivato all’ospedale Santa Maria con una lesione espansiva surrenalica, con deformazione dell’emiaddome destro.

Eseguiti gli esami, che avevano decretato come la lesione fosse maligna, si era deciso di operare con tecnica mini invasiva. Assistenti e personale della sala operatoria erano preparati a un intervento a cielo aperto, considerato che mai una massa così ampia era stata tolta con una macchina. Solo quattro volte si era proceduto in questo modo e per masse surrenaliche di massimo 14 centimetri.

Mearini, in passato, proprio a Terni aveva operato così su un’angiomiolipoma di 12 centimetri. E al Santa Maria c’è ormai da anni un’equipe multidisciplinare per la patologia surrenalica, in grado di studiare casi molto complessi. Grazie all’approccio mini invasivo, anche il recupero è molto veloce. Non solo: il paziente ha potuto lasciare l’ospedale anche senza cicatrici particolarmente evidenti.

Terni continua dunque a far parlare di sé per le tecniche innovative a livello mondiale con cui il suo ospedale risolve casi difficili.

Alessandro Pignatelli

Giornalista professionista e scrittore, amante della carta stampata come del mondo digitale. Ho lavorato per agenzie stampa e siti internet, imparando nel mio percorso professionale a essere tempestivo, preciso, ma anche ad approfondire con vere e proprie inchieste. Con i new media e i social, ho inserito nel mio curriculum anche concetti come SEO, keyword, motori di ricerca, posizionamento.