Alle Officine Meccaniche Venturini le macchine legatrici anti infortunio

L’azienda bresciana ha brevettato un’innovativa legatrice ad occhiello che assicura un processo di legatura efficiente e una maggiore sicurezza degli operatori

Officine Meccaniche Venturini

Innovazione e sicurezza sono di casa alle Officine Meccaniche Venturini di Bovezzo, in provincia di Brescia, azienda affermata a livello internazionale nella progettazione e produzione di macchine legatrici, impianti per movimentazione e sistemi per confezionatura di prodotti finiti o materiali di laminazione in ferro, acciaio e ottone per impianti di laminazione e trafilatura.

Potenziare produttività, qualità e sicurezza operativa nel processo di confezionatura di materiali e prodotti siderurgici è infatti l’obiettivo dell’azienda guidata dalla famiglia Venturini che per rispondere alla nuova sfida globale dell’industria 4.0 sta implementando innovazioni tecnologiche per rendere le sue macchine ancora più funzionali e sicure. «Nonostante gli alti livelli tecnici raggiunti nella produzione di queste macchine, sia in termini di affidabilità che di produttività, permane una seria problematica di tipo antinfortunistico – spiega Claudio Venturini, titolare insieme al cugino Sergio dell’azienda fondata nel 1969 e che oggi esporta in tutto il mondo, dal Messico all’India -. Le porzioni terminali libere del filo, tra loro attorcigliate, lunghe o corte che siano, sono una fonte di rischio in quanto presentano una punta sporgente che può ferire gli operatori addetti al maneggiamento dell’oggetto legato. L’obiettivo principale che ci siamo posti con questo progetto innovativo è stato quello di progettare una macchina legatrice avente caratteristiche strutturali e funzionali in grado di garantire la sicurezza degli operatori che utilizzano l’oggetto legato dalla macchina assicurando, al contempo, un processo di legatura efficiente e performante in termini di produttività».

Le soluzioni progettuali hanno presupposto anche la progettazione di un nuovo schema pneumatico e per il funzionamento della macchina si è dovuta approntare una apparecchiatura elettrico/elettronica in grado di gestire le nuove funzioni con un dedicato software di comando e controllo. «Le soluzioni progettuali sviluppate – conclude Venturini – sono risultate talmente originali per il settore di applicazione che abbiamo fatto richiesta di brevetto dal titolo “Macchina legatrice perfezionata” depositata a maggio di quest’anno».

Redazione

Corriere dell’Economia è il portale informativo che ospita articoli di interesse settoriale e territoriale per operatori economici, enti e istituzioni che desiderano comunicare ai loro pubblici i contenuti inerenti la propria attività e organizzazione.