E’ già tempo di della corsa podistica “Strasimeno”

Il 4 marzo il via alla 17ma edizione con molte novità.

Il podismo non si ferma mai: la programmazione dell’attività primaverile ed estiva interessa già oggi la “Strasimeno”, la gara più importante della regione, una ultramaratona che si corre sulle sponde del lago da cui prende il nome. Nella 17edizione, che si correrà il 4 marzo 2018, con partenza da e arrivo a Castiglione del Lago, arriveranno importanti novità come quello dell’inserimento di tratti di pista ciclabile che potrebbero portare variazioni al chilometraggio ufficiale. Per questo gli organizzatori del Gruppo Sportivo “Filippide”, guidato da Giovanni Farano, hanno inoltrata la richiesta alla Fidal (Federazione italiana di atletica leggera) per una nuova misurazione ufficiale del percorso in modo da farlo comparire nelle pubblicazioni di riferimento.
I tratti di pista ciclabile che saranno sicuramente introdotti sono due, fanno sapere gli organizzatori, e vanno, il primo, dal chilometro 14,5 nell’abitato di Tuoro sul Trasimeno al chilometro 20 di Passignano e l’altro da Sant’Arcangelo chilometro 43,0 fino a una parte della strada provinciale 304 al chilometro 48,0. La gara, come sempre, prevede alcuni traguardi intermedi, il primo al chilometro 10,0 e non più al 9,6 come è stato fino a ora. Per questo verrà arretrata la linea di partenza a Castiglione del Lago e spostato in avanti il traguardo di Borghetto. Spostamento del traguardo anche a Passignano sul Trasimeno al chilometro 21,0975 per la mezza maratona, arretrato da piazza Aldo Moro a via Gramsci. Gli altri traguardi intermedi rimangono ai chilometri 34,0 e 42,0.
Infine, quest’anno sono previste medaglie ricordo per tutte le distanze, mentre nelle precedenti edizioni erano esclusi coloro che terminavano la prova al chilometro 10,0.

Marcello Guerrieri

Esercita la professione di giornalista da oltre trent’anni: ha esordito con la cronaca locale per la redazione ternana de il Messaggero, per la quale ha anche curato, per un lungo periodo, pure gli aspetti sindacali ed economici delle aziende della provincia di Terni. Collabora tuttora col giornale romano. Ha seguito sin dall’inizio, l’evoluzione dei nuovi media, curando numerosi siti come quello di “Terninrete”